Ambiente

Depuratore di Avezzano, scritta la parola fine?

Ieri mattina in Località Pozzillo è stato fatto un incontro tra la direzione dei Lavori rappresentata dall’Ing. Di Giuseppe, i vertici tecnici del Cam guidati dall’Ing. Giuseppe Venturini, le associazioni che da mesi stanno seguendo da vicino l’evolversi della vicenda del depuratore avezzanese: “Acqua Nostra” fondata da Gianvincenzo Sforza e Centro Giuridico del Cittadino diretto da Augusto Di Bastiano. L’incontro è servito per fare il punto sullo stato dei lavori di Completamento delle opere di adduzione dei reflui che saranno captati per essere trasferiti nel nuovo depuratore del Nucleo Industriale. La ditta esecutrice delle opere sta ultimando i lavori che si concluderanno in 10 giorni e che permetteranno agli scarichi degli avezzanesi di essere condotti, attraverso 3 chilometri di tubazione, al nuovo impianto di fosso 2 nel nucleo industriale dove verranno correttamente depurati e reimmessi nei canali. Anche nel nuovo impianto, di proprietà dell’ARAP, è ormai tutto pronto per accogliere, secondo le prescrizioni dettate dal Suap del comune di Avezzano in sede di autorizzazione, i reflui di più di 40mila utenti equivalenti. “Siamo soddisfatti- dichiara Gianvincenzo Sforza- perché finalmente si avvia a conclusione un’opera che era in fase cantieristica da ben 16 anni ed è costata ai contribuenti 10milioni e 600mila euro. Il 28 di ottobre le vasche del depuratore inizieranno a riempirsi per poi essere avviate alla lavorazione dei reflui; una fase che inizierà a dare risposte concrete alle esigenze della città e del Fucino che dalla prossima campagna irrigua potrà contare su acqua pulita”. “Intendo ringraziare- aggiunge Augusto Di Bastiano- tutti gli Enti coinvolti che, anche grazie alle nostre associazioni e alle rappresentanze agricole del territorio, hanno dialogato per risolvere il problema”. Soddisfazione per come stanno procedendo le cose in questa fase conclusiva è stata espressa anche dal sindaco di Avezzano Gianni Di Pangrazio che viene costantemente informato dalle due associazioni.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top