Giudiziaria

Delitto Selmanaj, i legali provano con la seminfermità mentale

Seminfermità di mente e niente premeditazione per Veli Selmanaj, il kossovaro di Pescina condannato all’ergastolo per aver ucciso moglie e figlia. E’ questa la nuova strategia difensiva degli avvocati Antonio Milo e Davide Baldassarre, che hanno presentato ricorso in Appello, chiedendo l’esclusione dell’aggravante della premeditazione e il riconoscimento delle attenuanti generiche. Inoltre si proverà ad ottenere anche una perizia per valutare il suo stato mentale.

2 Comments

2 Comments

  1. Carina Steinbeisser

    Carina Steinbeisser

    25 novembre 2014 at 11:10

    Ma quale seminfermita’ è un assassino e tutto quello che ha fatto lo ha fatto con tutte le intenzioni…. se era il padre padrone deve essere anche padrone delle sue opere orribili… mettetelo dentro e buttate via la chiave……

  2. Walter Scipioni

    Walter Scipioni

    25 novembre 2014 at 11:18

    IMPICCATELO……..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top