Altri articoli

Debito Asm con Aciam: si fa strada l’ipotesi di una cessione

«Il debito di Asm con Aciam è di 2 milioni di euro, ovvero due terzi del capitale sociale dell’azienda: c’è il rischio che il Comune dell’Aquila, per coprirlo, ceda come contropartita la maggioranza di Asm all’ Aciam».

Ad affermarlo il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale all’Aquila, Guido Liris, e altri consiglieri di opposizione, che, in un incontro con la stampa, hanno sollevato numerose criticità sulla situazione dell’Aquilana società multiservizi, ex municipalizzata che si occupa della gestione dei rifiuti.

Secondo il consigliere forzista, la situazione societaria dell’Asm, per la quale il sindaco Massimo Cialente ha paventato il rischio di una privatizzazione o una liquidazione, rende concreta l’ipotesi di una cessione all’Azienda consorziale di igiene ambientale marsicana, presieduta da Lorenza Panei, «già segretario comunale del Partito democratico di Avezzano», come malignamente fatto notare dai consiglieri aquilani di centrodestra. Se la cessione andasse in porto, secondo Liris, «nell’ambito della creazione della nuova Agenzia gestione impianti regionali, il punto di riferimento per la provincia dell’Aquila diventerebbe l’azienda marsicana, con l’esclusione dell’Asm e quindi del capoluogo».

Liris ha ricordato anche che l’Asm «ha un credito con l’amministrazione comunale di 3 milioni di euro che, se versati, sarebbero più che sufficienti a ripianare il debito». «Se l’azienda promuovesse un’ingiunzione di pagamento, il Comune resterebbe senza quattrini», ha sottolineato il capogruppo in consiglio comunale dell’Aquila città aperta, Emanuele Imprudente, criticando l’amministrazione.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top