Altri articoli

D’Amico primo firmatario provvedimento staminali per Noemi

“Secondo l’ordinanza – ha dichiarato il vice presidente D’Amico –  Noemi ha diritto alle cure compassionevoli e “tale diritto deve ritenersi necessariamente esigibile dal servizio sanitario, e nonostante  ordini di “provvedere all’immediata somministrazione”, sembra che i tempi di attesa degli ospedali civili di Brescia oscillino tra i 3 e i 4 anni.

Il Consiglio regionale accogliendo all’unanimità la nostra proposta – hanno dichiarato D’Amico e Caramanico-  ha voluto invitare il Presidente Chiodi a verificare presso gli organi competenti del Ministero se sia possibile autorizzare un Centro Trapianti del Servizio Sanitario Nazionale della Regione Abruzzo, affinchè possa           provvedere alla reale immediata infusione di cellule staminali alla piccola Noemi, nel caso in cui sia impossibile farlo  presso gli ospedali civili di Brescia”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top