Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ultim'ora

Dal mondo: il 30 giugno il tempo si fermerà per un secondo


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

OrologioPolso

Gli orologi atomici di tutto il mondo si fermeranno per un secondo, segnando le 23:59:60 del 30 giugno 2015 prima di passare alla mezzanotte del nuovo giorno. Invece di passare dalle 23:59:59 alle 00:00:00 verrà quindi aggiunto un secondo: è il leap second, uno stratagemma utilizzato periodicamente sin dal 1972 che aggiunge un secondo in più  al tempo coordinato universale (UTC) per mantenerlo allineato al giorno solare. Se non venisse fatto, gli orologi di tutto il mondo non sarebbero più sincronizzati con la rotazione terrestre e il naturale scorrere del tempo.

Si sta pensando però di abbandonare questo meccanismo di correzione temporale perché in concomitanza con questo allineamento possono verificarsi problemi ai sistemi di posizionamento satellitare GPS e alla rete informatica, com’è accaduto nel 2012 con l’ultimo leap second. In vista del 30 giugno le maggiori aziende informatiche, quindi, stanno lavorando a delle soluzioni per evitare delle ripercussioni sui loro sistemi. Ad esempio, Google ha pensato di aggiungere ogni giorno un millisecondo al suo orologio per evitare che possano verificarsi disservizi durante il leap second.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top