Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Altri articoli

“Dagli occhi di un soldato”, un libro sul dualismo dell’animo umano


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ci sono diverse prospettive dalle quali si può giudicare la missione dei nostri militari nei Paesi colpiti dalla guerra, e prima ancora di tirare in ballo la geopolitica e il diritto internazionale, oggi eclissiamo qualsiasi analisi tecnica e meritoria sulle gerarchie e sulle ragioni militari per scendere in profondità. Il protagonista del numero di oggi è senza dubbio l’uomo, spogliato dalle categorizzazioni e dalle divise, da capire nella sua natura di essere umano.

Cosa fa esattamente un soldato? Non la guerra, quella è solo una parte della storia. Cosa fa un soldato quando non  è al fronte, quando non è dietro un mitra, quando non marcia e non si lancia da un aereo, quando non cammina tra le macerie fumanti di un luogo che si è appena trasformato in una città fantasma… chi è un soldato? Carmine Ciaccia, autore del libro “Dagli occhi di un soldato”, presentato lo scorso 28 marzo alle ore 18 presso il Caffè Letterario “Vieniviaconme” di Avezzano, mostra nella sua opera la realtà umana di uomini che non sono altro che uomini, quella realtà che si rivela a noi, come se la vedessimo dagli occhi di un soldato.

Carmine Ciaccia nasce a L’Aquila nel 1982, frequenta l’Accademia Militare di Modena dal 2001 al 2003 e la Scuola di Applicazione dell’Esercito dal 2003 al 2006, dove consegue la Laurea Magistrale in Scienze Strategiche. È un Ufficiale dell’Esercito dal 2003 ed ha partecipato a diverse operazioni di supporto alla pace in ambito NATO e EU, dall’Afghanistan ai Balcani. Da sempre avvezzo al mondo della scrittura creativa, si cimenta nella stesura del libro “Dagli occhi di un soldato”, frutto della passione e delle esperienze vissute all’estero come Ufficiale dell’Esercito.

Chi leggerà il libro si accingerà a leggere storie semplici di gente semplice, di uomini che non sono altro che uomini, con le loro paure, passioni, sentimenti. La scelta stilistica di strutturare l’opera in 28 racconti e 28 poesie è dovuta alla volontà, da parte dell’autore, di bilanciare le due sfere parallele, la privata e la professionale, mostrando attraverso le storie dei protagonisti le emozioni, i sogni e le fragilità degli uomini sul fronte, lontani da casa, dagli affetti. Il mosaico della vita interiore degli uomini in guerra viaggia parallelamente all’idea stereotipata del soldato tutto elmetto, armatura e cuore d’acciaio.

Sfogliando le pagine, il lettore e lo scrittore diventano un tutt’uno perché sanno le stesse cose, vivono scena dopo scena quello che sta succedendo. Gli eventi descritti non contano per se stessi ma per ciò che rappresentano per i soldati, per gli uomini protagonisti della cronaca. Nel libro, oltre al racconto dei fatti, lo scrittore propone un’analisi dell’animo umano, unendo il suo punto di vista di scrittore ed ufficiale alla pluralità delle esperienze vissute dai soldati. Il libro offre un punto di vista privilegiato per capire un mondo ai più estraneo, indifferente a chi la guerra la vede solo nei tg o la sente da lontano, e lo fa semplicemente aprendo una finestra sul cuore dei soldati, al di là dei confini e degli schieramenti.

Vi saluto riportandovi una bellissima poesia tratta dal libro di Carmine Ciaccia: “Di melma e limo sozzi, incuranti di tempo e secchezza. Le fauci infamiate da indurita arena, non per il vestiario, ma per il dignitoso piglio, per la misurata eloquenza, per la tollerata prostrazione, per il persistente ardire. Eroi li chiamavano, le stille mescolate al sudore, eclissate da ferma dignità. Eroi li chiamavano. Essi lo erano, ma consci non ancora, preferivano essere chiamati.. soldati”.

Buona lettura a tutti!

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top