Cronaca e Giudiziaria

Cuore del Salviano: area faunistica e itinerario botanico tra le novità in arrivo

Ieri mattina, nella splendida cornice verde del monte Salviano, il Comitato Scientifico delle associazioni “Erci”, “Il Salviano” e “Centro Natura Marsica” ha effettuato un sopralluogo tecnico per definire un progetto davvero importante: istituire un’area verde ed un itinerario botanico con annessa zona faunistica. Presenti all’incontro Luca Brugnola, medico veterinario della Forestale di Pescara; Giuseppe Recchia, medico chirurgo ed esperto botanico; Franco Tassi, referente associazione “Il Salviano”; Sergio Rozzi, responsabile del progetto “Centro Natura Marsica”; professore Isaia Cipollone del liceo linguistico B.Croce di Avezzano; Roberto Mastrostefano, presidente “Il Salviano”.

L’area di accoglienza di ‘teriofauna’ sorgerà nel cuore della Riserva del Salviano, a ridosso dell’Orto del Santuario della Madonna di Pietraquaria messo a disposizione dalla Curia della Diocesi di Avezzano. Gli esperti ecologisti hanno verificato con la Forestale l’idoneità della zona: quest’ultima, dopo una serie di interventi di adeguamento ed un secondo sopralluogo sanitario, ospiterà a primavera tre splendidi esemplari di capriolo. Il tutto sarà accompagnato da iniziative didattiche con le scuole del territorio e da collaborazioni con altre riserve protette, in un confronto prolifico ed in continua evoluzione. Si tratta di un’area montana molto ricca a livello botanico: molte piante autoctone hanno ripreso ad attecchire nella stessa zona dopo il devastante incendio del ’93.

Il bosco, infatti, è rinato dalle ceneri autonomamente, a dimostrazione della straordinaria forza del Salviano. L’itinerario botanico sarà un vero e proprio viaggio tra le piante nel cuore verde d’Abruzzo: tabelle, mostre, pannelli e mappature accompagneranno il percorso e contribuiranno a studiare e a preservare la biodiversità. Oltre alla volontà da parte del comitato scientifico di rendere l’itinerario utile per il benessere psicofisico e fruibile anche per i diversamente abili, nascerà una collaborazione con il famoso cardiologo, medico dello sport e maratoneta Gabriele Rosa, padre del progetto “Movimento Utile”: attività fisica come prevenzione, cura di molte patologie e cultura del movimento a partire dalle scuole.

“Nascerà una struttura naturalistica ed ecosociologica polivalente – spiega Rozzi – capace di richiamare l’attenzione del turista, del semplice visitatore o del frequentatore abituale. Il progetto presuppone un intervento profondamente educativo, le cui principali funzioni e finalità saranno: 1) Allevamento, recupero, cura e riabilitazione di esemplari di fauna pregiata feriti, disabili, condizionati, disadattati o nati in cattività; 2) Banca genetica di specie in pericolo; 3) Esposizione al pubblico di fauna rara allo stato semi naturale; 4) Svolgere ricerca scientifica pura e applicata sulle specie allevate in cattività, con seminari e dimostrazioni sul campo (scuole, università, istituti di Ricerca); 5) Praticità di contatti per usi semplici (ripresa foto-cinematografica, registrazioni sonore) e complessi (prelievi e analisi di feci o di campioni biologici) a scopo di studio e conservazione; 6) Attrazione per un sano ecoturismo”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top