Cronaca e Giudiziaria

Cronaca di un flop annunciato – considerazioni a cuore aperto di Annalisa Parisi

Tagliacozzo (AQ) 12 ottobre 2014 – Raduno Nazionale Stalloni CAITPR
Attività nate come strettamente orientate ai cavalli senza cavalli, peraltro mal pubblicizzate sul territorio purtroppo NON portano nulla alla razza.
Non invitare a partecipare gli Allevatori del territorio per contornare un’attività di LG con attività legate alla promozione e valorizzazione della razza, non solo è grave ma offende profondamente l’intelligenza altrui.
Non aver voluto prendere atto che gli Allevatori (tutti, non solo alcuni) debbano necessariamente essere parte attiva di certi eventi, solo per scelte dettate da situazioni diverse a mio avviso inaccettabili, nonostante le mille avvisaglie, le rimostranze e più di tutto nonostante il dato di fatto di iscritti praticamente insignificante fino al giorno prima di una cosa che si è protratta senza senso per mesi senza riscontri, è forse cosa ancor più grave.
“Cantarsela da soli”, nel 2014 non basta più… i risultati, ovviamente, si vedono tutti.
Non basta ridurre un week-end a mezza giornata: le attività vanno programmate, strutturate, promosse, comunicate e un sacco di altre cose, altrimenti i risultati sono quanto di peggio ci si possa aspettare: la mediocrità.
Un asino, legato al passamano del par-terre circondato da nastri bianchi e rossi credo dovesse essere quello che in programma veniva pre-annunciato come: “Esposizioni di asini provenienti da allevamenti locali”.
I complimenti questa volta credo siano doverosi per chi sguazza in questi “meccanismi” dei quali da fervente appassionata della razza non capisco il motivo reale (o forse lo capisco ma è troppo lontano dai miei principi per prenderlo in considerazione) … è un’offesa profonda verso chi nel tempo si è assunto delle grandi responsabilità anche economiche per farsi prendere in giro da gente che capisce di qualità solo quando si tratta degli altri. Quella stessa gente che ci ha sempre messo la faccia, nonostante tutto e tutti.
Mezza giornata con inizio attività alle 11.00 per “guardare i cavalli dentro una buca” (citazione dagli spalti e non solo)… senza voler capire, alla luce dei mille sopralluoghi e concertazioni varie la differenza minima tra una corsa di galoppo e una rassegna morfologica.
Una prova, anzi la riprova che anche ci fosse la possibilità si poter fare qualcosa a Piazza di Siena (un sogno per chi vive nel mondo dei cavalli), la differenza sarebbe data da fattori che non sono quelli che si sono visti oggi in campo. Non sono certo i luoghi che fanno la differenza. MAI.
Sicuramente una bella mezza giornata di sole, entusiasti i locali, ma questo è ovvio se si considera che Tagliacozzo non è una metropoli e che a chi ci vive possa anche far gioco una manifestazione nei dintorni; ma se ripenso ad Onna 2010 ed Onna 2012 (6 mesi di lavoro vero per organizzare la prima – 8 mesi e qualcosina in più la seconda) più che da ridere mi viene da piangere, purtroppo.
Ma sempre purtroppo penso a un testo di Ligabue che mi assilla da qualche giorno… SIAMO CHI SIAMO… non riesco a trovare un’altra giustificazione per questa “pensata geniale” per l’autunno di LG.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top