Abruzzo

Crisi editoria: tavolo di lavoro Regione-Odg-Sindacato

L’individuazione di una serie di interventi normativi ha caratterizzato il tavolo di lavoro ‘Verso la Conferenza sull’informazione – che si dovrebbe tenere tra la fine di gennaio e febbraio – organizzato dalla Presidenza del Consiglio regionale per affrontare la crisi dell’editoria in Abruzzo con i vertici nazionali e regionali degli organismi di categoria dei giornalisti, Ordine dei Giornalisti e Federazione Nazionale della Stampa Italiana. Secondo il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio, «se non si pone rimedio la crisi del settore può perdurare con il rischio che, come è successo per il settore infrastrutturale, l’Abruzzo possa rimanere indietro, rischiando l’isolamento: per questo è importante il nuovo metodo di lavoro, che passa da un confronto serio per individuare le possibili situazioni alle problematiche del settore dell’informazione in Abruzzo». Parlando del recepimento della legge n.150 del 2000 sugli uffici stampa negli enti pubblici è emersa la sinergia tra la Regione e l’Anci – presente il presidente regionale Luciano Lapenna – per costruire un gruppo di lavoro per una legge quadro che ponga al centro l’informazione nei Comuni, favorendo anche l’Unione di Comuni. In tal senso va l’idea delle borse di lavoro, come ha spiegato il direttore del Consiglio regionale, Paolo Costanzi: una proposta che prevede l’introduzione di contributi triennali a Comuni o Unioni di Comuni, che decidano di istituire al loro interno un ufficio stampa, delegando l’individuazione del giornalista da inserire al sindacato di categoria, che potrà dare la precedenza ai disoccupati che non godano di nessun ammortizzatore sociale.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top