Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ultim'ora

Creata la carta di identità degli oli abruzzesi


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

abruzzo-expo-2015“D’ora in poi sarà più semplice riconoscere un vero olio extra vergine di oliva abruzzese”. Lo ha detto Alberto Bertinelli, direttore di Coldiretti Abruzzo, durante l’incontro “Profili sensoriali degli oli extravergini abruzzesi” svoltosi nel padiglione Coldiretti dedicato all’Abruzzo Expo di Milano, per l’individuazione delle caratteristiche degli oli abruzzesi con particolare riferimento a quelli provenienti dalla spremitura delle varietà Dritta e Tortiglione.

“Il consumatore di olio extra vergine di oliva – afferma Gianfranco D’Addario, presidente della cooperativa Plenilia – si trova a scegliere oggi in un mercato che non premia la tipicità dei territori. L’attenzione è rivolta ad individuare le caratteristiche dell’ambiente che determinano la qualità e l’origine dell’olio d’oliva. E noi ci siamo riusciti attraverso questo progetto”. Soddisfatto dei risultati anche il direttore di Coldiretti Bertinelli: “Abbiamo creato la carta di identità degli oli prodotti in questa regione tra le pendici della Maiella, il Gran Sasso ed il mare Adriatico. Un po’ olio di montagna e po’ olio col profumo di mare”.

Dai dati dell’osservatorio economico di Unaprol risulta che l’olivicoltura in Abruzzo è la seconda coltura arborea più coltivata subito dopo la vite. Il patrimonio olivicolo abruzzese è stimato in 9 milioni di piante su circa 46.000, che rappresentano il 50% della sola superficie agricola arborea utilizzata (SAU). Le aziende che coltivano olivo sono oltre 60.000. Al primo posto la provincia di Chieti con il 57% della produzione regionale. Seguono Pescara con il 25% e Teramo con il 14%.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top