Giudiziaria

Cosa non si fa per un contratto…

Torna a casa e trova una bolletta di 600 euro per una fornitura di gas il cui contratto non aveva mai stipulato. Il fatto è accaduto ad una donna di 81 anni, residente in un comune della provincia di Chieti, che nel 2011 aveva lasciato l’abitazione per trascorrere alcuni mesi con il figlio a Roma. Al suo ritorno ha trovato la sorpresa. Dopo aver chiesto spiegazioni alla società fornitrice del servizio, le è stato mostrato un contratto regolarmente firmato, ma che alla prova dei fatti si è rivelato falso. In seguito ad indagini i carabinieri sono risaliti all’autore della truffa. Si tratta di un ex dipendente, originario di Napoli, di un consorzio di imprese di Avezzano che si occupa anche di forniture di energia. Il venticinquenne, per incrementare la sua percentuale di guadagno, non aveva esitato a costruire il falso ai danni dell’anziana. Per questo motivo, il tribunale di Avezzano lo ha condannato, oggi, ad una pena di 6 mesi di reclusione e 100 euro di multa per i reati di truffa e falso.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top