Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cultura

Convegno sul tartufo marsicano: “Contrastare abbandono e incuria dei boschi”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

“Il tartufo, potenzialità e sviluppo” è il tema del 2° convegno sul tartufo in Abruzzo che si è svolto ad Avezzano lo scorso 23 aprile. Oltre alla presenza dell’assessore alle politiche agricole Dino Pepe e del presidente della commissione agricoltura Lorenzo Berardinetti, hanno preso parte al convegno numerose categorie addette al settore, soprattutto cavatori del comparto marsicano e provenienti anche da fuori. Unica nota dolente la quasi totale assenza dei sindaci della zona, ad eccezione del sindaco di Castellafiume, i quali, sia per i temi svolti che per le proposte enunciate dai rappresentanti regionali, avrebbero dovuto recepirne, in primis, le istanze e dar seguito all’attuazione di eventuali progetti.

“Questo prodotto della terra, così ampiamente diffuso nelle terre montane e collinari abruzzesi, – affermano i rappresentanti regionali – non deve soltanto appagare il palato dei buongustai, ma creare intorno al suo nome e al suo profumo, un indotto che, a partire dal marchio stesso, esso debba investire una più puntuale e capillare commercializzazione con la conseguente ricaduta sul turismo locale”. A conclusione dei lavori, c’è stata la relazione tenuta dal dott. Fabio Di Pietro, che ha presentato le nuove opportunità previste dal Programma di Sviluppo Rurale della regione Abruzzo, con particolare riguardo alle tipologie di intervento per lo sviluppo e la valorizzazione della tartuficoltura.

Nel corso del suo intervento, il dott. Di Pietro, ha sottolineato come “l’Abruzzo sia una regione con un’elevata estensione delle superfici forestali (oltre il 40% del territorio regionale è bosco), di cui buona parte di queste presentano naturalmente le caratteristiche vegetazionali, pedo-climatiche e morfologiche, capaci di dare origine a tartufaie naturali. Però, affinché questa peculiare caratteristica venga mantenuta nel tempo, è fondamentale contrastare l’abbandono e l’incuria dei nostri boschi regionali, promuovendo una pianificazione forestale che attraverso gli interventi selvicolturali, (come le ripuliture del sottobosco, i diradamenti, i tagli di conversione verso l’alto fusto) garantisca una gestione attiva e multifunzionale delle risorse forestali”.

“Non dimentichiamo mai che una corretta e sostenibile interazione tra uomo e risorsa naturale, soprattutto nel caso dei boschi, – prosegue il dott. Di Pietro -garantisce il mantenimento di preziosi servizi eco sistemici, come la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico, la tutela della biodiversità e la difesa dal rischio idrogeologico: insomma per riassumerla in una frase pronunciata da Arrigo Serpieri nel 1923, “quando la montagna è sistemata la valle dorme tranquilla”.

“Ora, prima che venga data attuazione ai progetti riguardanti i fondi europei ed alla costituzione di imprese, soprattutto di giovani in cerca di prima occupazione, – ha precisato il presidente dell’associazione Tartufai della Marsica Filippo Pandoli – la regione e l’assessorato all’agricoltura, devono assumere l’impegno di mettere a disposizione quella parte di fondi che, per legge, devono tornare alla categoria dei tartufai e che essi versano annualmente al suddetto ente per rinnovare  la concessione alla ricerca. Le associazioni di categoria hanno già da qualche tempo presentato delle proposte per la ripartizione, stiamo aspettando dalla regione un regolamento definitivo, per dare attuazione a qualche progetto del genere che possa esser pilota di più ampi progetti previsti dal PSR. Mi auguro – ha concluso Pandoli – che tutto ciò avvenga al più presto, e vorrei azzardare un pronostico che alla fine dell’estate 2016 ci si possa rivedere per fare il consuntivo di quanto proposto”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top