Attualità

Confesercenti-Venditti: “Nessuno si preoccupa delle piccole e medie imprese”

Le imprese del commercio e dell’artigianato sono da sempre le prime “vittime” della questione sicurezza, poiché si richiede loro di esercitare la propria attività in condizioni sempre più difficili e precarie.

Gli esercizi commerciali, per via dell’elevata presenza sul territorio, del denaro contante maneggiato e del contatto diretto con il pubblico, sono fra le attività economiche più esposte al rischio di atti criminali ed in particolare di rapine.

Sempre più spesso la cronaca riporta casi di rapine e furti ai danni delle attività imprenditoriali.

Proprio di pochi giorni fa è la notizia del furto gravissimo avvenuto in una nota impresa di lavorazione del legname di Avezzano, di proprietà di uno stimato Dirigente Confesercenti, Marcaurelio Albano, che ha creato ingenti danni a livello economico, destabilizzando un’attività di rilevante valore e fama.

Il Presidente Provinciale Confesercenti, Domenico Venditti, a tal proposito, si dichiara estremamente rammaricato: “Per questo è importante parlare di sicurezza con più lucidità – spiega il presidente – senza la fretta delle situazioni di emergenza e, soprattutto prima che si arrivi a morti e feriti. Per fare ciò, però, è necessario non abbassare la guardia assumendosi un impegno durevole e concreto. Un impegno per debellare il diffuso senso di insicurezza che dilaga sempre di più, ogni giorno, tra le imprese, piccole, medie o grandi che siano, e di conseguenze, sulla persona di chi le tiene in vita: gli imprenditori”.

Da soli, però, non si vince. Ognuno deve fare la propria parte, a partire dalle Istituzioni, coordinate con le Forze dell’Ordine.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top