Altri articoli

Concorso Nazionale di Pianoforte Piana del Cavaliere, un bilancio

Straordinari i partecipanti e grande merito ai premiati. La manifestazione è stata totalmente video registrata per la produzione di un dvd dedicato.
Esecuzioni di alta qualità da una nutrita compagine di concorrenti provenienti da più parti del nostro paese compreso i più piccoli della nostra zona i quali hanno suonato brani del Maestro Pietro Iadeluca.
Siamo stati sommersi e frastornati dalla capacità esecutiva di musicisti in erba e giovani più grandi pronti per il Mondo più grande quali giardinieri e non postini delle opere di Bach, Beethoven, Chopin, Brahms, Schumann, Liszt, Rachmaninoff, Kabalevskjy, Katchaturian, Shostakovich, Matteucci, Iadeluca.

I vincitori li elencheremo in calce e se per ognuno vorremmo poter dire qualcosa ci soffermeremo, quali osservatori, su due di loro: Ludovica Di Bernardo (Na) e Maria Vittoria Tranquilli (AP), affidandoci alla suggestione di ascoltatori.

Ludovica Di Bernardo ha eseguito in modo mirabile, durante la premiazione, la parafrasi di Liszt sul ‘Liebestod’, aria conclusiva del Tristano e Isotta di Richard Wagner. Si tratta del ,canto della vita, della morte, dell’amore, il quale raggiunge le vette dell’himalaya musicale. Ludovica ha fatto fiorire questo messaggio. Un canto, parafrasato per pianoforte, possibile metafora della nostra società’ Isotta’ che piange la morente Italia -‘Tristano’ con la sua crisi epocale immersa in un mondo in fiamme (ndr sono passati solo cento anni). Le ultime parole nell’opera concludono dicendo ‘unbewusst-hochste lust’(ndr inconsapevole ebbrezza ed estasi nell’affogare).

Maria Vittoria Tranquilli, classificata nella sua sezione, merita la menzione di chi scrive per riuscire a vedere quello che noi guardiamo e sentire quello che noi ci limitiamo ad ascoltare . Con la lettura sensibile delle sue dita restituisce sulla tastiera la musica che vorremmo ascoltare sempre, Ha eseguito, quale prova del suo talento, il primo tempo dell’opera 13 di Beethoven ‘Patetica’. Esiste una differenza tra ascoltare e sentire o guardare e vedere. Maria Vittoria Tranquilli al di là di ogni sguardo o orecchio distratto, vede, sente, interpreta e comunica la bellezza e straordinaria normalità del fare musica con il suo talento. . Se è vero che la tecnica toglie il godimento (cfr Lacan) nella espressività di Maria Vittoria Tranquilli, ci sono cuore,ascolto, respiro supportate da una tecnica letta prima dalle sue dita e poi magistralmente trasmesse alla tastiera e per dirla con George Bernard Shaw ‘per essere perfetti ci vuole un difetto’ che solo un artista riesce a vedere e sentire, in virtù del nquale le interpretazioni sono fioriture illimitate che si confrontano e non restano algide riproduzioni. In Maria Vittoria Tranquilli l’algido è assente e vorremmo continuare a sentire con lei la bellezza che ci salverà.

Grazie a tutte le concorrenti presenti in ogni sezione come Lisi Diana, Yukuro Alina, Diletta Timperio, Anastasia Fioravanti, Sara Saccardo. Giovani di talento, attente ed espressive che non dobbiamo tradire ma sostenere nel loro percorso formativo già ragguardevole.

Durante la premiazione la sala polivalente in via L’Aquila straripava di pubblico.

Hanno aperto la manifestazione tre brani corali eseguti dal Coro della Piana del Cavaliere guidato dalla Maestra Giulia Rossi e presentato dal Presidente Prof. Bernardini. Il Professor Carlo Iannola , a nome di quanto si muove nella nostra piana del cavaliere, ha evidenziato tutte le potenzialità di buone pratiche culturali che si stanno sviluppando nella nostra area. Il Sindaco di Carsoli Dott Domenico D’Antonio che ha ospitato meritoriamente in ‘zona cesarini’ questa manifestazione, ha confermato l’apprezzamento e il sostegno. Il Sindaco di Oricola ci ha inviato una impegnata lettera di saluto. .

Nelle parole di Farnaz Mirzarpoor di ‘Il Mondo in una stanza’, (associazione che ha collaborato a l’accoglienza ospitando le esercitazioni dei concorrenti) la gioia di aver potuto contribuire a sentire il profumo artistico di questi talenti, in un clima di odori diversi nel giardino della promozione culturale con il sostegno e le risorse adatte per gli attori che le svolgono in modo innovativo e socializzante.

Una lettera di adesione inviata dal Presidente dell’AGiMus Dr Raffele Bevilacqua ci ha confermato che al primo classificato del concorso Umberto Jacopo Laureti sarà offerta la partecipazione a un concerto offerto dall’Associazione dedita a promuovere i giovani musicisti.

 

Premiati al concorso

Oltre ai premi in denaro e altro ricevuti dai partecipanti, il concorrente primo classificato ex-equo

Umberto Jacopo Laureti avrà un concerto offerto dalla AGiMus (Associazione Giovanile Musicale)

Sezioni divise fino all’età* , nome e cognome ( provenienza ) punteggio

Vincitori categoria livello II

A- 21* anni Ludovica Di Bernardo(Quarto-Na) 97 – parafrasi Liebestod Liszt-Wagner

B – 30* anni, Ex equo:

Giulio Di Padova (San Benedetto del Tronto-Mc) 96 – sei momenti musicali di Rachmaninoff

Umberto Jacopo Laureti (Civitanova Marche-AP) 96 – parafrasi su un aria del ‘Rigoletto’ di Liszt-Wagner

:10 * Alisa Yurkina (Pineto-TE)98; Diletta Timperio (Montenero di Bisaccia-CB)96 , Remo Pizzi Scatena (Avezzano-AQ)94 ;

13* Anastasia Fioravanti (Spinetoli-AP)95; Luciano Ioannucci (Chieti)93, Diana Lisi(L’Aquila)92

17* Aurelio Marco Raco(Roma)98, Lorenzo Felicioni(Tortoreto-TE)97 , Sara Saccardo(San Vito Leguzzano-VI)96

Per la migliore esecuzione di un brano composto dal Maestro Pietro Iadeluca si sono classificati ex equo: Riccardo Rizzo (Carsoli-Aq) ; Luciano Ioannucci (Chieti); Remo Pizzi Scatena (Avezzano)

La Giuria ha svolto l’attività con la guida del Direttore Artistico Maestro David Di Censo (ndr Allievo del Mo Iadeluca) ed era composta da:

M° Delfina d’Annibale (conservatorio Santa Cecilia), presidente giuria

M° Davide Di Censo (CPMDT Ginevra), direttore artistico

M° Maria Prencipe (conservatorio L’Aquila)

M° Giulia Valente (conservatorio Fermo)M° Maria Grazia Zagame (conservatorio Frosinone)

Presente la Vedova del Maestro Signora Cesarina Iadeluca.

Ha condotto l’intera manifestazione, quale promotore, Armando Iadeluca Presidente dell’Associazione ‘Il cuscino di stelle’ insieme a Rita Fracassi dell’associazione Fidia e il sostegno di Il Mondo in una stanza di Carsoli e la Biblioteca Comunale Pietro Iadeluca di Pereto di cui lo scrivente è responsabile.

Prossimi appuntamenti saranno per la serata ‘Ciao Maestro’ del 28 Agosto e la premiazione del secondo concorso di narrativa e poesia che si terrà il 30 Agosto, Due serate di musica, arte e cultura nella splendida chiesa di San Giovanni a Pereto.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top