Altri articoli

Concorso di idee, Commissione in campo

Commissione in campo per la scelta “dell’idea” di restyling della fontana e dell’area centrale di Piazza Risorgimento destinata a cambiare volto alla Città.   La giunta comunale ha affidato a tre super tecnici, l’Architetto Giovanni Carbonara, (professore ordinario alla Facoltà di Architettura dell’Università “La Sapienza“, in qualità di Presidente), l’Ingegner Mario Centofanti (Professore Ordinario alla Facoltà di Ingegneria dell’Università di L’Aquila), l’Architetto Claudio Finarelli, (Funzionario del Ministero dei Beni Culturali alla direzione regionale dei Beni Architettonici e Paesaggistici di L’Aquila) il compito di valutare le venti proposte progettuali del concorso di idee bandito dal Comune per ridisegnare il cuore di Avezzano.

L’operazione ha mosso i primi passi oggi, lunedì 17 febbraio, con l’insediamento della commissione dei super esperti “che”, afferma l’assessore alla Cultura, Gabriele De Angelis, ”dovrà individuare l’idea di restyling migliore per il centro storico. Questo è un passaggio storico per Avezzano, una Città che vuole guardare al futuro senza dimenticare il passato, attraverso un percorso di riqualificazione di alto livello che tiene conto anche delle indicazioni dei maggiori fruitori: i cittadini”. Le venti idee progettuali, infatti, dopo la verifica della commissione, saranno esposte al pubblico: qui i cittadini potranno lasciare un’indicazione di preferenza.

Poi la parola passerà alla commissione chiamata a indicare l’idea progettuale vincitrice del concorso di idee per il completamento della fontana di piazza Risorgimento (di fronte alla splendida Cattedrale dei Marsi) e la ridefinizione funzionale delle aree adiacenti. Operazione resa possibile dal finanziamento della Fondazione Carispaq che ha concesso ottocentomila al Comune di Avezzano, una parte destinata al restyling del centro cittadino, l’altra al recupero della storica ex scuola Montessori, dove l’Ente realizzerà un centro multifunzionale destinato alla cultura e alle giovani generazioni.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top