Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cultura

Concerto In Riserva: “Le quattro stagioni di Vivaldi”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Avezzano – Il Comune di Avezzano, nell’ambito del calendario degli eventi estivi “E…state in Riserva 2017” , in collaborazione con la Riserva Naturale Regionale del Monte Salviano e l’Associazione Ambiente e/è Vita” ha inteso organizzare l’evento “ Flauti “in Riserva” il prossimo 15 Luglio alle 18:00, nell’ora del meriggio, nella magnifica cornice del Pratone nel cuore della Riserva del Monte Salviano, per una iniziativa concertistica molto particolare che connubia orchestra singolare, i Flauti di Toscanini, con uno dei brani più amati e famosi della Storia della Musica, qui eseguito in versione integrale, ovvero le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.

Migliore cornice esecutiva non poteva essere ideata visto che questa partitura è stata composta trecento anni fa dal “Prete Rosso” proprio in una visione onomatopeica musicale che vuole codificare musicalmente quei suoni naturali che la natura ci sa offrire in tutte le sfaccettature dei suoi cambio stagionali: assisteremo allora ai famosissimi temi della Primavera che Vivaldi concepisce e sente come un insieme di cinguettii e sciogliemento di neve in piccoli ruscelli, passando attraverso le danze contadine della vendemmia autunnale ed i suoni della caccia alla volpe per poi trasferirci nelle calure estive e nei repentini acquazzoni che colpiscono la stagione del gran caldo per finire con le fredde sensazioni di tremore e di ghiaccio che l’inverno vivaldiano sa donarci.

A fare da novello Virgilio in questa passeggiata bucolico musicale sarà il M° Paolo Totti, che avrà oltre il compito della coordinazione dei musicisti del suo ensemble anche quello di declamare e spiegare al pubblico i Sonetti che sono alla base di questa immaginifica opera Vivaldiana: composte da Vivaldi stesso queste poesie portano per mano l’ascoltatore attraverso la vera e propria selva di affetti musicali che stanno per avvenire e vengono dall’autore stesso, qui in duplice veste di compositore e poeta, incastonati nei varii momenti della partitura di cui divengono quindi parte essenziale!

Questa immersione musicale dunque avrà la particolarità di riproporre, elemento raro all’ascolto moderno, anche il lato “fiabesco” delle Quattro Stagioni, ed il Vivaldi “paroliere” che di fatto è stato poi nei

secoli schiacciato ed un poco accantonato dalla immensa fama del compositore, ma che qui diviene altresì essenziale per la fruizione più viva e pura dell’Opera stessa. Il pubblico godrà di tutto questo grazie ai Flauti di Toscanini, qui sotto forma di Ensemble, che sono l’unica orchestra italiana stabile di flauti con Direttore, e che spaziano sull’intero consort della famiglia del flauto traverso dall’ottavino al rarissimo flauto contrabbasso, passando attraverso il canonico flauto traverso in Do, il flauto Contralto ed il desueto Flauto Basso Albisiphon.

L’Ensemble ha da sempre nella sua storia ultradecennale alternato le classiche sale da concerto a sfide esecutive naturalistiche di ogni tipo, come ad esempio il recente record europeo di esecuzione in alta quota con un concerto a 3200 metri sullo Stelvio Livrio. La ricerca di comunicazione musicale in ambiti naturali di ogni tipo è comunque nel genoma stesso del flauto, strumento antichissimo e nato praticamente con l’uomo stesso, e che la mitologia vuole nato proprio da una canna di Bambù da parte del satiro Pan in omaggio d’Amore alla ninfa Syrinx.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top