Connect with us

Politica

Comune Celano e Cam, interviene Giuseppe Cleofe

Pubblicato

on

Spett.le redazione, sulla vicenda del credito che il Comune di Celano vanta nei confronti del CAM i cittadini di Celano ne hanno sentite di tutti i colori, avrei preferito non aggiungere altro, ma, dopo l’articolo apparso sul vostro giornale, a firma del Vicesindaco Vittoriano Frigioni è doveroso fare alcune osservazioni e considerazioni, al fine di ristabilire la verità su come si è evoluta tale problematica. L’Avv. Frigioni ritiene erroneamente che il sottoscritto abbia strumentalizzato la vicenda del CAM, quindi, dell’acqua per un fatto politico, tanto che mi definisce irresponsabile.

Rispondo al Vicesindaco che forse l’ha dimenticato che il sottoscritto è stato il primo a porre il problema del credito verso il CAM con una interpellanza presentata in consiglio comunale il 18 Giugno 2010 quando il credito del Comune era soltanto di € 620.000,00, al netto delle compensazioni, per il dovuto per l’acqua delle nostre fontane pubbliche. Successivamente, in data 8 Ottobre 2010 ho presentato in consiglio comunale un’interrogazione nella quale evidenziavo che il debito del CAM nei confronti del comune di Celano era diventato di € 819.845,65, chiedevo al Sindaco ed alla GM del perché non venivano fatti gli atti esecutivi nei confronti del CAM.
Si riferisce, inoltre, per una visione più chiara agli utenti di Celano che già il CAM in passato ha assunto altri impegni di pagamento, esattamente, con scrittura privata del 16 Aprile 2011, con la quale s’impegnò ad estinguere il debito di € 658.923,27 in quattordici rate quadrimestrali di € 42.125,95 cadauna, impegno mai mantenuto, contestualmente, però con la delibera n. 54 del 12-12-2011 inviata all’ATO, l’assemblea dei soci del CAM, composta dai Sindaci dei comuni soci deliberava per gli stessi la sospensione del rimborso dei mutui, che di fatto, visto come sono andate le cose si è esteso anche ai comuni non soci.
Mi preme ricordare a Vittoriano Frigioni che gli atti esecutivi nei confronti del CAM sono iniziati con il DI il 27-01-2012, dopo circa 2 anni e mezzo dalla mia prima interpellanza.
Al consiglio comunale del 02-02-2013 un’ampia maggioranza di consiglieri mostrò difficoltà a votare la mozione da me presentata, che non trascrivo, poiché depositata in Comune, ma, avrebbe risolto tutti i problemi nei confronti del CAM che conduceva una gestione piuttosto allegra sotto l’aspetto finanziario, fatto questo che impediva il rimborso dei mutui, fu rinviata all’unanimità per verificare le modalità attuative e con l’impegno di ridiscuterla in un successivo consiglio comunale, circostanza mai più avvenuta.
Con la delibera n. 14 dell’11 Febbraio 2013 in consiglio comunale fu nominato un gruppo di lavoro per verificare il percorso legale e amministrativo da attuare nei confronti del CAM, s’impegnava il Sindaco e la GM a verificare il regolamento di giurisdizione e nelle more l’installazione dei contatori veniva sospesa, fino alla definizione della controversia.
Trascuro le altre vicende succedutesi, per ritornare ai fatti attuali.
Il sottoscritto è stato invitato soltanto per due volte all’incontro fra Comune e CAM in quest’ultimo mese, dove ha fatto presente le proprie perplessità, purtroppo non recepite, ne cito soltanto alcune esattamente:
– la cessione del credito, soltanto a copertura del debito, rimanendo sempre il CAM l’unico delegato alla riscossione per il canone del servizio idrico;
– l’installazione dei contatori doveva avvenire solo e soltanto dopo il pagamento integrale del debito da parte del CAM e non a 60 giorni dall’approvazione dell’accordo transattivo e convenzionale, poiché altri impegni, in passato, sono stati già assunti e non mantenuti;
– la riduzione del canone delle bollette dell’acqua per l’importo inerente la depurazione che di fatto non viene effettuata.
Il Consiglio comunale, ricordo al Vicesindaco, avrebbe dovuto approvare lo schema di transazione, poteva però, apportare nel rispetto della normativa vigente le giuste ed opportune modifiche, per un maggior vantaggio del Comune di Celano e degli utenti.
Non si può dare dell’irresponsabile a chi non assicura la propria presenza, la maggioranza deve trarne le dovute conseguenze. Poi, per concludere, dico, non poteva il Sindaco, verificata la propria maggioranza, riconvocare il Consiglio comunale nell’arco di qualche giorno, per porre all’approvazione lo schema di convenzione con il CAM? Sono passati otto mesi dall’approvazione della famosa delibera n. 62 del 30-11-2013, ora non si poteva più aspettare qualche giorno, se veramente si voleva il supporto anche dei consiglieri di opposizione.
Concludo, nell’interesse di Celano, che nonostante le modifiche non apportate all’accordo transattivo, augurandomi che esso venga attuato interamente per la riscossione del credito vantato di € 1.549.000,00, anche perché il solo debito di finanziamento del Comune al 31-12-2013 ammonta a circa 13 milioni di Euro ed in modo da poter venire incontro ai cittadini di Celano con la diminuzione di altri tributi, quali: TARI, TASI e IMU.

Grazie per l’ospitalità
Giuseppe Cleofe

Continua a leggere
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Annalisa Cipollone riottiene il seggio in Consiglio, fuori Paciotti

Pubblicato

on

Intanto, è stata fissata per il 20 settembre la riunione dei capigruppo. Tra i consiglieri convocati oggi, 18 settembre, risulta Francesco Paciotti, chiamato per la “Programmazione dei lavori del prossimo consiglio comunale”

Avezzano – Il TAR Abruzzo ha accolto il ricorso di Annalisa Cipollone che rivendicava l’assegnazione del seggio in Consiglio fino ad oggi occupato da Francesco Paciotti.

Candidata nella coalizione “Insieme”a sostegno di Gabriele De Angelis, con Francesco Paciotti, nella lista “Innovazione per Avezzano”, si era attestata seconda nelle preferenze dopo Emilio Cipollone, fido braccio destro di De Angelis, seguita da Francesco Paciotti; Emilio Cipollone rinunciò al seggio per ricoprire la carica di vicesindaco, e al suo posto subentrò Paciotti.

Dopo la sentenza della cosiddetta “anatra zoppa”, che decretò la perdita della maggioranza per De Angelis, furono riassegnati i seggi alla Coalizione di Di Pangrazio e risultò che alla lista “Innovazione per Avezzano” spettava un solo seggio, ma, nella proclamazione, fu confermato consigliere Francesco Paciotti. La Consigliera, dopo essersi inutilmente rivolta al Comune, ha presentato ricorso al TAR, che le ha dato ragione: legittimamente eletta dai cittadini, ha diritto al seggio in Consiglio. Il TAR inoltre chiarisce come l’irregolarità sia sorta dall’inizio, dalla prima proclamazione degli eletti effettuata dal presidente Forgillo, annullata poi dalla sentenza dell'”anatra zoppa”. Il ricorso della Cipollone, vale la pena ricordare, era suffragato anche da un documento della prefettura, arrivato il 10 marzo, circa un’ora prima del consiglio comunale che ha ratificato la sentenza del Consiglio di Stato. La nota del prefetto Giuseppe Linardi era indirizzata alla presidente del consiglio, Iride Cosimati e recitava: “A parere di questa prefettura, la composizione del consiglio è rimessa alle determinazioni del Comune, affinché sia resa coerente con la proclamazione degli eletti e con il risultato elettorale”. La Cipollone, secondo la prefettura, doveva entrare in consiglio. La presidente Cosimati, il 19 marzo (dieci giorni dopo il consiglio), aveva chiesto un parere al segretario generale Manuela Alfieri. La risposta di quest’ultima, dopo la consultazione con Guido Blandini dell’Avvocatura comunale, porta la data del 21 marzo. Secondo i legali del Comune non sussistevano elementi nuovi per modificare il consiglio.

Tra le righe della sentenza del TAR, pubblicata poco dopo le 10 di stamane, gli elementi utili, per Annalisa Cipollone, ad avanzare poderose richieste risarcitorie. Nei mesi scorsi, numerosi sono stati i richiami da parte delle opposizioni sul punto, ma il Consiglio avezzanese non ha dato seguito nemmeno alle relative note del Prefetto, continuando a deliberare con un organo non legittimamente deputato. Sulle eventuali responsabilità saranno chiamati a esprimersi gli organi competenti.

Circa gli scenari che si aprono con questa ultima novità, occorrerà attendere le decisioni della Cipollone, i cui rapporti con De Angelis non parevano idilliaci. Dopo due proclamazioni degli eletti, due sentenze del Tar e una del Consiglio di Stato, ben quattro cambi di giunta e diversi cambi di casacca, preceduti dalla trasformazione radicale del primo cittadino da “Sindaco civico” a “Sindaco targato Forza Italia” dopo pochi mesi dall’ingresso a Palazzo di Città, in poco più di un anno dalle elezioni, sarà difficile stupire ancora gli avezzanesi ma, stando a “voci di corridoio” si profilano ulteriori colpi di scena. Intanto – difetto di notifica? Distrazione? –  è stata fissata per il 20 settembre la riunione dei capigruppo e tra i consiglieri convocati oggi, 18 settembre, risulta Francesco Paciotti, chiamato per la “Programmazione dei lavori del prossimo consiglio comunale”.

“Soddisfazione per la ricomposizione finale del consiglio comunale”, è stata espressa da un serafico sindaco Gabriele De Angelis tramite una nota diramata dal suo portavoce, Roberto Alfatti Appetiti. “Finalmente si chiude la lunga parentesi processuale – commenta il primo cittadino –  con il ritorno in consiglio di Annalisa Cipollone. A nome personale e della maggioranza, coesa e compatta intorno al programma di mandato, do il bentornato alla consigliera, nella consapevolezza che offrirà un contributo importante all’attività amministrativa. Un ringraziamento – conclude De Angelis – lo rivolgo anche a Francesco Paciotti, per l’impegno profuso sinora”.

“Ripristinata la legalità e la piena volontà popolare dei cittadini avezzanesi. Quel che dispiace e ci duole – sottolinea Roberto Verdecchia – è che per gli errori palesi degli altri (vedasi e leggasi ex Presidente del Tribunale Forgillo su cui ci sarà molto da discutere nelle opportune sedi giudiziarie) la maggioranza che non aveva luogo di essere alla data dell’8 febbraio, grazie alla campagna acquisti oggi sembrerebbe essersi fortificata. Ma durerà e supererà le nuove elezioni alle porte?…”

 

sentenza Cipollone

 

Continua a leggere

Abruzzo

#Elezioni regionali, è ufficiale: si voterà il 10 febbraio 2019

Pubblicato

on

L’Aquila. Dopo tanta incertezza a seguito delle dimissioni di D’Alfonso e le liti scaturite tra le varie forze politiche della regione, finalmente è stata resa nota la famigerata data delle elezioni regionali. Il presidente vicario della Regione Abruzzo Giovanni Lolli ha fissato al 10 febbraio 2019, la data per l’elezione del Presidente della giunta e per il rinnovo del consiglio regionale. L’Abruzzo dunque si prepara per la chiamata alle urne.

La decisione è stata sancita d’intesa con la Presidente della corte d’appello dell’Aquila Fabrizia Francabandera e sentito il presidente del consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio. Domani Lolli firmerà il decreto di fissazione della data delle elezioni con la conseguente convocazione dei comizi elettorali.

Continua a leggere

Politica

Infrastrutture: il presidente Di Pangrazio chiede incontro urgente al ministro Toninell

Pubblicato

on

Regione – Il Presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, dando seguito alla riunione tenuta l’ undici settembre scorso con le rappresentanze sindacali e sociali abruzzesi, ha scritto una lettera al Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli avente ad oggetto la richiesta di un incontro urgente per la messa in sicurezza, il caro pedaggi, le convenzioni e la gestione delle infrastrutture autostradali in Abruzzo. Il Presidente ha illustrato nella nota le criticità esaminate nell’ incontro tenutosi a Palazzo dell’Emiciclo con i portatori d’interesse sociale, pubblici e privati. “Ho comunicato al Ministro che l’incontro si è chiuso con l’unanime invito alla Presidenza del Consiglio regionale di istituire un coordinamento di tutti gli attori sociali abruzzesi per per attivare contestualmente un rapporto istituzionale con lo stesso Ministero, al fine di pervenire ad una comune ricognizione delle urgenti e gravi problematiche emerse anche nella riunione. Vista l’urgenza del tema affrontato, ho chiesto al Ministro di stabilire una data a breve per un incontro necessario al fine di formulare le necessarie ipotesi di un proficuo e condiviso piano di lavoro sugli interventi di messa in sicurezza, sulla gestione, sulla contrattualistica di.lavoro e le garanzie occupazionali . Sul caro pedaggi – aggiunge Di Pangrazio – confermo che parteciperò, in rappresentanza della nostra Regione, alla manifestazione dei sindaci a Roma indetta per il 19 settembre, per ribadire con forza le ragioni dei cittadini abruzzesi alle prese con continui aumenti del pedaggio e al contempo con infrastrutture attualmente poco sicure. Credo basti ormai con l’onere delle autostrade più care d’Italia. Visto il territorio altamente sismico in cui viviamo, le nostre infrastrutture devono essere le più sicure d’Italia con costi compatibili con lo sviluppo economico dell’Abruzzo. Auspico una risposta rapida e urgente da parte del Ministro Toninelli”.

Continua a leggere

Attualità

Piedicolle di Montereale, taglio del nastro per il Centro di raccolta intercomunale

Pubblicato

on

Provincia – Si è tenuta nella mattinata di venerdì 14 settembre, l’inaugurazione del Centro di raccolta intercomunale a servizio di Montereale, Capitignano e Campotosto, realizzato dal Comune di Montereale in zona artigianale Piedicolle e affidato alla gestione di Aciam, l’azienda consorziale d’igiene ambientale marsicana.

Il taglio del nastro, attuato da Massimiliano Giorgi, sindaco di Montereale, Maurizio Pelosi, sindaco di Capitignano, Luigi Cannavicci, sindaco di Campotosto, insieme a Lorenza Panei, presidente di Aciam, si è tenuto in un clima di festa, alla presenza delle autorità militari locali, delle Pro loco e degli alunni delle classi 4ª e 5ª della scuola di Montereale, presenti con le insegnanti, che hanno partecipato con entusiasmo anche a un’attività didattica sul posto. Nel Centro, che si estende per circa 500 mq, i diversi materiali saranno selezionati e poi inviati ai consorzi di filiera facenti capo al CONAI e al Centro di coordinamento RAEE. Soddisfazione è stata espressa dalla presidente di Aciam, Lorenza Panei, che ha sottolineato l’importanza di questa tipologia d’implementazione dei servizi, “Una scelta che mira al massimo recupero dei materiali”, ha ricordato la Presidente, “per la salvaguardia dell’ambiente e l’ottimizzazione delle risorse. Una strada in salita ma l’unica possibile per un futuro sostenibile”. Il CdR sarà accessibile nei giorni di giovedì, venerdì e sabato, dalle 9 alle 13, anche per il conferimento dei rifiuti ingombranti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere

Attualità

Mercato del sabato, si cambia: dal 6 ottobre sarà su via Garibaldi

Pubblicato

on

Avezzano – Si è tenuta in Comune una riunione tra i rappresentanti di categoria degli ambulanti e il vicensindaco Lino Cipolloni insieme agli assessori Renata Silvagni (Attività produttive) e Leonardo Casciere (Sicurezza) per la definizione dello spostamento del mercato del sabato.

Ormai da mesi l’amministrazione si sta occupando della sistemazione del mercato, per far sì che ci sia un adeguamento alle più aggiornate regole in materia di sicurezza.

Anche alla luce dei lavori pubblici avviati e della nuova viabilità che a breve disciplinerà il traffico del centro della città (la delibera che tratta la pedonalizzazione di un primo tratto di via Corradini è attesa per l’inizio della prossima settimana), si è reso necessario uno spostamento del mercato, in un’area più agibile, più comoda da raggiungere e soprattutto più sicura.

“Gli ambulanti hanno proposto la soluzione di spostare il mercato su via Mazzini ma a seguito del cambiamento che ci sarà per la viabilità nel centro e al rispetto delle esigenze legate alla circolazione del servizio pubblico del trasporto della Scav, questa opzione è stata scartata”, commenta il vice sindaco Cipolloni, “ci sarebbero troppo disagi. Abbiamo valutato insieme le soluzioni su via Einaudi e via Garibaldi e alla fine, di concerto con i rappresentanti degli ambulanti, si è scelta l’opzione di via Garibaldi, che ha già un ampio consenso tra gli associati”.

Il nuovo mercato partirà da piazza Orlandini e si svilupperà su via Garibaldi in direzione via Nuova.

Il mercato rimarrà a piazza Torlonia per sabato 15, 22 e 29 settembre. La nuova location sarà a partire da sabato 6 ottobre.

“Una soluzione condivisa andava trovata anche per salvaguardare la riqualificazione di piazza Tolonia su cui l’amministrazione ha scelto di investire per renderla più bella e accogliente per i cittadini”, continua Cipolloni, “la piazza sarà riconsegnata alle famiglie in una veste totalmente rinnovata, con un parco giochi nuovo e facilmente accessibile anche ai disabili. In quanto al mercato, ora procederemo”, conclude, “con una regolarizzazione delle posizioni. Stiamo comunicando ai circa 150 ambulanti che devono mettersi in regola rispetto alle normative vigenti. A seguire sarà redatta una nuova graduatoria dove chi non sarà in regola non potrà usufruire dell’assegnazione dello stallo”.

Continua a leggere

Politica

Centro città, Confcommercio: “Ennesima beffa”

Pubblicato

on

Il presidente di Confcommercio, Roberto Donatelli: “No all’accanimento terapeutico sul centro”

Avezzano – “Se dovessimo riassumere con una battuta il senso complessivo della nostre osservazioni, vorremmo venisse evitato una sorta di “accanimento terapeutico “nei riguardi del Centro Urbano”. É netto il presidente di Confcommercio, Roberto Donatelli, sulle scelte operate dall’amministrazione De Angelis circa la ridisegnazione del centro cittadino.

“Prima di tracciare piste ciclabili, isole pedonali e modifiche alla viabilità, nel centro di Avezzano, chiediamo di realizzare tutta una serie di interventi in grado di far diventare questa area, dei veri centri di attrazione, ma le auto non possono essere allontanate, altrimenti le attività commerciali sono destinate alla chiusura perché, non garantiscono piu’ un servizio di vicinato. C’e’ un Centro Urbano che ancora una volta si sente ferito dalle scelte dell’Amministrazione Comunale – è l’impietosa analisi di Donatelli – “l’ennesima beffa” come sostengono i commercianti del Centro. La paura di chiudere l’attività per la sofferenza dei consumi, è alta. La pista ciclabile costosa, inutile e pericolosa, andrebbe rimossa; non siamo contro le piste ciclabili, ma vorremmo che fossero fatte con criterio e in zone diverse dal Centro”.

“Per quanto riguarda l’isola pedonale, è un provvedimento riproposto ritualmente ogni anno e rappresenta un elemento di forte preoccupazione per le imprese del territorio.

E’ una misura che peggiora l’inquinamento dell’aria creando problemi seri ai cittadini.

Pertanto, riaprire Via Corradini alla libera circolazione è la richiesta di Confcommercio ed il Comitato Centro Città, all’Amministrazione Comunale”, conclude Roberto Donatelli.

Continua a leggere

Attualità

Avezzano, il Presidente del comitato Centro Città: “Fatto danno al centro, il Sindaco faccia un passo indietro”

Pubblicato

on

Avezzano – “Il sindaco scrive sui giornali, che continuerà le pedonalizzazioni e continua a dire che apprezzeremo il suo operato, si, come abbiamo apprezzato la pista ciclabile! Forse si fa un po’ di confusione tra apprezzamenti e imprecazioni, se e’ cosi allora e’ vero che abbiamo molto ma molto apprezzato”. Non usa mezzi termini Gianni Napoleone, storico commerciante e imprenditore avezzanese e presidente del comitato Centro Città, sulla scottante questione del centro cittadino, o per meglio dire delle questioni, visto che, fontana a parte e pista ciclabile, in ballo vi è un’intera opera di radicale trasformazione del centro.

Non ha senso abbellire la Città, fare investimenti per opere che anche se belle non fruibili,  senza dare la possibilità ai cittadini di utilizzarle – continua Napoleone –  infatti questo sta accadendo con la pista ciclabile e quel piccolo tratto di pedonalizzazione di Via Corradini, il traffico ha completamente collassato il centro e già si incomincia ad evitarlo dirottando i propri acquisti in zone più accessibili, perché dopo oltre mezzora di fila si arriva e non si trova il parcheggio, parcheggi ormai inesistenti , ne abbiamo persi più di trecento,colpa della tanto chiacchierata pista ciclabile, meglio non parlarne ora non basterebbe un giornale intero per elencarne le negatività.Per questo la città deve essere accogliente e prima di tutto accessibile, ancora di più adesso che viviamo nel mondo di internet dove gli acquisti te li consegnano direttamente a casa, questo i centri commerciali lo sanno bene, loro hanno esperti che di continuo studiano questa problematica creando mega parcheggi con scale e tappeti mobili ,ascensori, tutto per agevolarti ed accoglierti.

Ormai il danno per il nostro centro e’ stato fatto, la novità della fontana già e’ passata nelle ore di punta si vedono solo cinque o sei persone sedute sulle esigue panchine, molto meno di prima, neanche si sono visti i tanto annunciati pullman di turisti a visitarla, a tutto ciò e’ rimasto solo il traffico caotico insieme a tanto smog da un lato della piazza e il deserto dall’altro lato , davanti le scuole per intenderci, e poi c’e’ che chi imbocca per sbaglio via Cataldi, paga pegno, come nel gioco dell’oca, e’costretto a seguire un percorso obbligatorio per tutta Corso della Libertà e poi ancora Via Valeri e poi il nulla, a passo d’uomo senza la possibilità di parcheggiare uscire o tornare indietro.Questo non siamo solo noi commercianti a lamentarlo ma se ne rendono conto soprattutto i cittadini che di continuo ci interpellano per firmare e manifestare la loro contrarietà.speriamo che il sindaco si fermi e faccia qualche passetto, anche se piccolo, indietro,tra pochissimo arriveranno le stagioni autunnale ed invernale che da noi sappiamo essere molto lunghe fredde e piovose, colpo finale per le attività del centro città, anche se ricordiamo bene come qualche assessore non ci vede di buon occhio e non vede l’ora che andiamo via, ma come ho già detto altre volte siamo tanti con circa tremila dipendenti, qualcosa conteremo”.

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com