Cronaca e Giudiziaria

Commessa pagata con 4000 monetine

monete_5_centesimi

Pensate se lo stipendio vi venisse pagato in contanti, ma tutto in monete da 5 centesimi. È quanto è successo ad una commessa di un supermercato di Avezzano che, stanca di non venire pagata da mesi, dopo aver sollecitato più volte il suo datore di lavoro senza alcun risultato, decide di rivolgersi alla CGIL. Tramite il sindacato si giunge ad una conciliazione in favore della commessa. Il tribunale decide che gli arretrati, pari a circa 2500, venissero corrisposti alla commessa in rate da 200 euro al mese. Ma il datore di lavoro decide di vendicarsi e così ogni mese corrisponde alla donna quanto pattuito in tagli sempre più piccoli, fino a ad arrivare ai 5 centesimi. E se la matematica non è un’opinione, le ha consegnato 4000 monete che tutte insieme pesano più di 15,5 kg!  E la CGIL, indignata da quanto accaduto, si chiede se “sono queste le condizioni di lavoro che oggi esistono nel nostro territorio: contratti di lavoro precario molto spesso al limite della legge e qualche volta anche fuori dalla legge, lavoro malpagato, e come si è visto anche l’umiliazione personale e dei diritti… Saranno questi imprenditori a garantire il futuro del nostro territorio? Con queste logiche si può costruire il progresso?”

2 Comments

2 Comments

  1. Carla

    22 marzo 2015 at 8:46

    É una grandissima umiliazione! Mamma mia!!! L’elemosina hanno fatto??? Denuncia immediata!

  2. Pedecia

    1 giugno 2015 at 0:18

    Vogliamo il nome del supermercato cosi da boicottarlo. Se le notizie le dovete dare per favore datele complete cosi veramente darete una mano a fermarle queste cose. Non lanciate la pietra e nascondete la mano come tutti gli altri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top