Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Italia

Commercio: consumatori, Istat conferma situazione drammatica


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

I dati Istat confermano la drammatica situazione del commercio italiano “il settore piu’ delicato ed indicativo dello stato di crisi di un’economia”. Lo evidenziano Federconsumatori e Adusbef in una nota. “Come denunciamo da anni, infatti, il settore alimentare rappresenta l’ultimo comparto ad essere intaccato in una situazione di difficolta’. Non a caso la domanda relativa a tale settore e’ tradizionalmente considerata anelastica”, prosegue la nota.
Dal 2008 ad oggi, invece, secondo quanto emerge dai dati rilevati dall’Onf – Osservatorio Nazionale Federconsumatori – i consumi relativi a tale settore hanno registrato una impressionante diminuzione del -10,4%. Dati a cui si aggiunge un altro elemento che ben rispecchia le condizioni di estrema difficolta’ in cui si trovano le famiglie: la diminuzione dei “consumi” relativi alla salute, scesi dal 2008 del -23,1%. Questo vuol dire che, negli ultimi 6 anni, la famiglie hanno ridotto le proprie spese nel settore sanitario di quasi un quarto.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top