Politica

Coerenza e Coesione VS Cam, sindaco Trasacco si dimette: “Non siamo la vecchia politica”

“Vogliamo rompere con la vecchia e solita politica del Cam. Stravolgeremo, a breve, gli equilibri amministrativi di tutto territorio provinciale”. E’ quanto annunciato dal gruppo politico marsicano Coerenza e Coesione nel corso di una riunione con i sindaci che si è tenuta lo scorso martedì ad Avezzano. “Fin troppo paradossale è l’attuale situazione di difficoltà che tutti i comuni della Marsica si ritrovano a dover affrontare – dichiarano i membri di Coerenza e Coesione – riguardo la predisposizione del Bilancio di Previsione 2016, proprio a causa delle ingenti perdite riportate nell’ultimo bilancio consuntivo approvato dall’assemblea dei soci del Cam. In base alla normativa vigente, infatti, – proseguono – i comuni devono accantonare, e quindi distogliere da prevedibili e forse più proficui impieghi a vantaggio della cittadinanza, elevate somme di denaro, che, annualmente, crescono sempre più in maniera esponenziale e che non sono più sostenibili per le già tanto provate casse degli enti locali”.

Prende una ferrea posizione in merito, il sindaco di Trasacco Mario Quaglieri, che, con il pieno sostegno di tutti i soci di Coerenza & Coesione, afferma: “In passato, abbiamo già provato in mille modi a limitare i danni, tentando anche di salvaguardare i posti di lavoro di numerosi marsicani impiegati proprio nel Consorzio acquedottistico, ma la situazione non è più sostenibile. Ogniqualvolta si provi, inoltre, a parlare di principi e di correttezza con i colleghi amministratori, si viene, spesso e volentieri, travisati; molti di loro, infatti, a prescindere dal colore della loro bandiera politica, hanno una visione distorta del vestiario che indossano da amministratori di un comune, mettendo al primo posto la personale scalata all’incarico di turno”.

“In troppi, nella Marsica credono che, dietro alle azioni intraprese, vi siano sempre nascosti dei secondi fini, connessi a ‘logiche di poltrona’ – prosegue il sindaco – noi non siamo la vecchia politica e non ci riconosciamo in essa: per coerenza con la posizione di rottura che noi amministratori di ‘Coerenza & Coesione’ intendiamo adottare in seno all’assemblea dei soci del Cam, io rassegnerò immediatamente le mie dimissioni da componente del Consiglio di sorveglianza della Società – conclude – l’unico principio che mi anima e che ha animato e che animerà ab aeterno la nostra attività politico-amministrativa è unicamente racchiuso nella tutela degli interessi della gente, senza se e senza ma; il resto, davvero, non ci interessa”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top