Abruzzo

Cna: trasferire ai Confidi i fondi Ue non spesi

Finanziare i confidi con i fondi europei che “tecnicamente” non potranno essere spesi e a rischio restituzione. E’ la richiesta rivolta alla Regione da Adriano Lunelli, direttore di Fidimpresa Abruzzo, contenuta nella relazione che ha aperto ieri il convegno dal titolo “Confidi amico, il valore della garanzia in tempo di crisi”, nella sala convegni delle Torri Camuzzi, a Pescara, ed organizzato dalla Cna Abruzzo. Tra il 2011 e il 2013, gli anni clou della crisi che ha colpito l’economia del nostro Paese e dell’Abruzzo», ha detto tra l’altro Lunelli «gli impieghi delle banche sono diminuiti di oltre un miliardo e 150 milioni di euro. Una condizione che ha messo soprattutto le imprese in una condizione di grave difficoltà, fino a costringere molte di quelle che hanno resistito a dar fondo a tutte le riserve e alla loro stessa capacità di accedere al credito». Una condizione, ha aggiunto, «aggravata dall’assenza di politiche pubbliche di sostegno all’accesso al credito: con il risultato che i Confidi hanno sopperito alla mancanza di adeguate politiche pubbliche, mettendo in gioco i fondi di garanzia costituiti in prevalenza dagli apporti dei soci».

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top