Connect with us

Senza categoria

Civitella Roveto, il mistero dei camper sull’erba verde del campo sportivo

Pubblicato

on

Non c’è pace per il rettangolo verde di Civitella Roveto. Il manto erboso del Campo sportivo del Comune è stato, di fatti, per tre giorni di fila, trasformato in un parcheggio all’aria aperta per trepidanti camperisti anonimi. Rabbia, delusione e perplessità montano fra i cittadini del paese marsicano, da poco fuoriuscito dalle luci della ribalta della notissima ‘Sagra della Castagna’ locale. I Camper, cioè, arrivati poco prima del lungo week end dedicato alla tradizionale manifestazione di ‘Lungo le antiche Rue’, hanno preso possesso, per tre giorni interi, dell’insolito numero civico ‘verde’, rimesso a nuovo da poco e letteralmente calpestato dalla presenza delle quattro ruote, giunte nella Valle Roveto per riaccendere, sì, i motori del turismo territoriale, ma forse non quelli dello sport locale.

Una, la domanda che la cittadinanza si pone, a pochi giorni dalla fine della baldoria al sapor di caldarroste, e cioè: perché i camper non sono stati fatti parcheggiare sulla base d’appoggio, ossia sulla pista adiacente al campo erboso, come è stato fatto, ad esempio, lo scorso anno? La colpa, si ben comprende, non è riconducibile ai camperisti e alla loro famigliole di turisti innamorati delle nostre terre, ma a chi ha dato loro il permesso di parcheggiare sul rettangolo verde e non sulla pista. “Il danno al Campo c’è. Io, avendo gestito il Campo sportivo per un anno intero, so quanto sudore e sacrificio ci sia dietro al suo certosino mantenimento. Durante l’arco dei 365 giorni passati, noi membri del Consorzio a capo della sua gestione, abbiamo realizzato vari lavori, oltre alla normale manutenzione obbligatoria; in tutto abbiamo speso circa 12 mila euro”.

Così spiega uno degli attori principali del mistero dei camper ‘infestanti’ il cittadino verde sportivo. Lui è Iuri Tocci, presidente del Consorzio ‘Valle Roveto’, che, proprio lo scorso anno, ha avuto in gestione il Campo sportivo civitellese. L’escursione fra quest’anno e lo scorso anno – a livello di parcheggio di camper – si è registrata nell’ottica adottata dagli organizzatori della Sagra di quest’anno, i quali, evidentemente, non hanno ritenuto opportuno transennare la zona in erba del Campo sportivo, laddove, cioè, si allena e disputa le partite domenicali la Squadra di calcio locale. “Il Campo è costato alle tasche della città parecchi soldi. Un’azione del genere non è rispettosa né del paese né dei ragazzi che, qui, passano ore e ore ad allenarsi per l’entusiasmo e la gloria generale della città”.

12178096_10207018615256256_1514544985_n“Mi è stata praticamente tolta la gestione da parte del Comune  – racconta – senza nemmeno avvertire; al mio posto, di fatti, – aggiunge – è stata avvisata con una lettera la persona sbagliata, che con la gestione vera e propria del Campo non ha nulla a che fare, ossia il presidente della Società Sportiva che lì semplicemente si allena. L’amministrazione ha praticamente apposto un nuovo lucchetto al cancello dell’area sportiva, togliendoci, quindi, l’autorità e la possibilità di poter entrare senza nemmeno diramare un avviso a riguardo. Questo ‘sequestro’ al limite del legale è stato posto in essere dieci giorni fa circa. – spiega Iuri  – Nella struttura, sono ancora contenuti alcuni computer di proprietà del Consorzio; ad oggi, non so nemmeno come riprenderli visto che non sono in possesso delle chiavi nuove”. A mandato scaduto di gestione del Campo, scattato verso la metà del mese di ottobre circa, il Campo Sportivo ha perso praticamente il padre putativo di una volta, accogliendo comunque i soliti camperisti che a Civitella arrivano in onore della famosa Sagra.

12180205_10207018614896247_1664461036_nTirando le somme e facendo leva sul canonico ‘due più due’, quindi, il Consorzio, ad oggi, non dispone più del Campo Sportivo ma nemmeno la squadra di calcio locale. “La squadra di Civitella Roveto, di fatti, nella giornata di domenica,  – spiega Iuri – ha dovuto giocare nel campo sportivo di Canistro, proprio perché non v’era possibilità di usufruire del nostro campo, occupato da altri, non sportivi. Una situazione paradossale, questa; ci hanno letteralmente cacciato da un’area che dovrebbe, a rigor di logica, abbracciare lo sport di una città”.

I camper che hanno preso possesso, durante i giorni di festa, del manto erboso di Civitella Roveto sono stati in tutto 50. Camper e camperisti, comunque, sono andati via dalla città già a partire dalla fine della Sagra civitellese stessa. La mattina del lunedì appena trascorso, di fatti, le case mobili hanno levato le tende e sono ripartite alla volta dei loro lidi abituali di residenza. “C’è da dire – continua Iuri – che con tre giorni, l’erba avrà sicuramente sofferto a causa della presenza della gomma delle ruote e degli stabilizzatori dei camper lì stazionanti. Il Campo andrà, senza dubbio, livellato quanto prima: 3 o 4 mila euro, la spesa prevista per questo tipo di manutenzione. La colpa non può che ricadere sull’Amministrazione comunale e su chi ha organizzato l’edizione del 2015 della Festa delle Castagne. Lo scorso anno, proprio perché era nostra premura l’occuparsi del Campo sportivo stesso, transennammo il manto erboso con l’intento logico di evitare questo tipo di ‘contaminazione’”.

In un paese in cui la cultura sta per riappropriarsi della sua casa naturale dipinta a nuovo – il Teatro – come mai lo sport non riesce a trovare un angolo verde in cui sostare? “Io giudico il giuoco del calcio lo sport più nobile che esista;  – conclude l’ex gestore – non me ne vogliano gli altri sportivi, ma togliere dalla strada i ragazzi di oggi ed aiutarli nella loro crescita e formazione morale, non è cosa da poco. Ora toccherà allenarci fuori casa, quindi lontani dalla nostra terra rovetana per semplici accortezze non effettuate”. L’aria della polemica fa sempre bene laddove riesce a spronare al confronto e al dialogo civile. Si spera che il mistero del Campo sportivo vietato agli sportivi trovi presto una pacifica e trasparente soluzione. (g.c.)

 

Senza categoria

Recupero e messa in sicurezza dei vecchi loculi al cimitero di Celano

Pubblicato

on

Celano – Parte il cantiere per la ristrutturazione di 200 vecchi loculi presso il veccchio cimitero di Celano. Da programma, salvo imprevisti, i lavori dovrebbero terminare entro la primavera. “Mi auguro che questa opera di recupero e messa in sicurezza del vecchio cimitero prosegua da parte delle amministrazioni in divenire, perché i nostri defunti meritano rispetto e perché non esiste ragione alcuna, secondo il mio modesto parere, che venga ulteriormente ampliato il cimitero con loculi nuovi di zecca in una zona già impervia” ha commentato il sindaco Settimio Santilli.

Continua a leggere

Senza categoria

Comune di Avezzano, nuovi orari per l’ufficio tributi

Pubblicato

on

Avezzano – A partire da lunedì 21 dicembre, l’ufficio tributi del Comune di Avezzano sito in via Luigi Vidimari n. 36 (II piano) osserverà il seguente orario di apertura al pubblico:
Lunedì dalle ore 9 alle ore 12:30
Martedì dalle ore 15 alle ore 17
Mercoledì dalle ore 9 alle ore 12:30
Giovedì CHIUSO
Venerdì dalle ore 9 alle ore 12:30.
Per il lunedì e mercoledì pomeriggio (dalle 15 alle 17) rimane confermata la possibilità di Istruttoria pratiche PER APPUNTAMENTO per consulenti, caaf, commercialisti e altro.

Continua a leggere

Senza categoria

Ad Aielli gli scrutatori si sorteggiano con un’App, Di Natale: no alle raccomandazioni

Pubblicato

on

Aielli – Al comune di Aielli gli scrutatori si estraggono a sorte. “Come ogni anno, come gruppo di maggioranza, abbiamo scelto gli scrutatori utilizzando una app che genera numeri random – ha spiegato il sindaco Enzo Di NataleLo facciamo perché siamo convinti che gli aiellesi iscritti all’albo debbano avere gli stessi diritti e le stesse opportunità, rifiutando quindi metodi clientelari e anacronistici. Alla nomina preferiamo la sorte perché convinti che sia il modo più trasparente per permettere a chiunque di vivere questa esperienza. Senza favoritismi e senza raccomandazioni.” Una pratica che stenta a decollare nonostante da più parti venga invocata come esempio di trasparenza.

 

Continua a leggere

Senza categoria

Di Pangrazio alla Festa del Mondo Agricolo Fucense, “bene i 50 milioni per la rete irrigua a pressione”

Pubblicato

on

Luco dei Marsi – “Fonte di vita e nutrimento per eccellenza, la terra è il bene per antonomasia. La risorsa più preziosa che esige di essere tutelata e salvaguardata”. Con queste parole Giuseppe Di Pangrazio, candidato alle prossime elezioni regionali, ha salutato le autorità civili, militari e religiose intervenute in occasione della XVII Edizione della Festa del Mondo Agricolo Fucense, organizzata dall’Associazione Culturale Agricoltori di Luco dei Marsi ‘Come chicchi di una sola spiga’. Dopo la messa di ringraziamento del mondo agricolo Fucense, officiata da Monsignor Pietro Santoro, la cerimonia è proseguita con la benedizione dei mezzi in Piazza Umberto I. “Quello di oggi è un momento importante per i contadini di questa zona – ha sottolineato Di Pangrazio – perché agricoltori e allevatori fanno benedire i mezzi come auspicio per una campagna agricola fruttuosa. La Regione, in questa legislatura, ha fatto la sua parte per questa terra e per i problemi legati al sistema idrico della Piana, in particolare, mettendo in campo un investimento di 50 milioni di euro”.  Da Presidente del Consiglio regionale, Di Pangrazio si è battuto per dare soluzione ai problemi di carenza idrica di cui soffre la Piana del Fucino e, di rimando, il mondo agricolo marsicano. L’investimento di 50 milioni di euro per il potenziamento del sistema idrico della Piana attraverso la costruzione di una rete irrigua a pressione, tenendo conto delle direttive europee sul risparmio idrico ed energetico, rappresenta un’opera di straordinaria importanza, unica del suo”, ha inteso ribadire il candidato al Consiglio regionale. “Hanno partecipato attivamente, e li ringrazio ancora per lo sforzo profuso, i sindaci del territorio, gli imprenditori agricoli ed i loro rappresentanti, l’Arap e il Consorzio di Bonifica Ovest”. Un intervento strategico in tema di sostenibilità ambientale che “ridurrà i gravi sprechi oggi esistenti sulla rete e consentirà di garantire l’approvvigionamento idrico servendosi di un grande bacino di raccolta ed evitando l’utilizzo delle falde nel sottosuolo. Altro elemento da segnalare è la costante depurazione delle acque che contribuirà a migliorare la qualità dei prodotti agricoli tipici di questo territorio”.

Continua a leggere

Senza categoria

L’Istituto “Serpieri” di Avezzano spalanca le porte per l’open day

Pubblicato

on

Avezzano – Sabato 19 gennaio 2019, dalle 9.30 alle 17:00, presso l’Istituto di Istruzione Superiore “A. Serpieri” di Avezzano, in via Buonarroti n.1, si terrà, a conclusione del periodo di orientamento iniziato a dicembre 2018, la giornata di OPEN DAY. La manifestazione è finalizzata a far conoscere nel territorio la realtà scolastica e produttiva dell’Istituto, ponendo l’accento sull’aspetto della ricerca-analisi laboratoriale necessaria per la  realizzazione di un prodotto di qualità nonché per formare le professionalità richieste dal mondo del lavoro. La giornata di OPEN DAY è rivolta a tutti gli studenti dei vari gradi di Scuola e principalmente a quelli delle ultime classi delle Scuole secondarie di 1° grado, alle loro famiglie e a tutta la  popolazione marsicana e non solo che avrà  modo di conoscere da vicino l’Istituto, l’offerta formativa, le attività curriculari ed extra curriculari finalizzate  alla crescita culturale e professionale degli studenti, le aziende e le associazioni “partners” che accoglieranno  gli alunni dell’Istituto nei percorsi di alternanza scuola-lavoro.

In occasione dell’evento sono previste le seguenti attività:

  • Attività laboratoriali curate dagli studenti coadiuvati dai Docenti (consultabili al link http://www.agrarioavezzano.edu.it/avezzano-open-day-19-gennaio-2019/ )
  • Visite guidate presso i laboratori e gli “spazi” didattici
  • Informazioni sull’offerta formativa
  • Supporto alle iscrizioni online

Saranno inoltre offerti i seguenti servizi al cittadino:

  • Analisi del terreno
  • Analisi dell’olio di oliva
  • Analisi del vino

Durante l’evento verrà distribuito materiale sull’offerta formativa della scuola e sulle varie collaborazioni con gli enti ed aziende del territorio sempre più al centro degli interessi scolastici, in modo da dirigersi verso una didattica per competenze, arricchire i percorsi di studio, favorire l’acquisizione di competenze richieste, in una prospettiva locale e globale.

Nell’Istituto, sono presenti i seguenti indirizzi di studio:

➢       ISTRUZIONE TECNICA – SETTORE AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA

  • articolazione Viticoltura ed Enologia con 6° anno facoltativo per la specializzazione in enologia
  • articolazione Produzioni e trasformazioni

➢       ISTRUZIONE PROFESSIONALE – SETTORE SERVIZI PER L’AGRICOLTURA,  LO SVILUPPO RURALE E SILVICOLTURA

  • opzione Valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli del territorio
  • opzione Gestione risorse forestali e montane

 

Continua a leggere

Senza categoria

Giornata della Memoria, spettacolo teatrale e intervista all’uomo salvato da don Gaetano Tantalo

Pubblicato

on

Avezzano – Domenica 27 gennaio alle 17.30 e lunedì 28 gennaio alle 10 al castello Orsini Colonna l’Associazione Proteo, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana- Comitato di Avezzano, l’Istituto Comprensivo “G. Mazzini – E. Fermi” e il Comune di Avezzano, presenta lo spettacolo teatrale “Due Innamorati a Auschwitz-Birkenau”. L’ingresso è libero e gratuito su prenotazione. In occasione della giornata della Memoria, la rappresentazione, con la regia e l’adattamento di Emma Francesconi, vede come interpreti la stessa Emma Francesconi, Francesco Frezzini, Vittoria Di Biase, Nicoletta Panei, Gaetano Paciotti e Giovanni De Pratti e la presenza dei bambini dell’Istituto G. Mazzini. Il coinvolgimento attivo dei bambini rappresenta un’importante occasione per sensibilizzare le generazioni future e far conoscere loro una pagina molto triste di storia. Lo spettacolo racconta il dramma della Shoah attraverso la storia di due innamorati che hanno vissuto il loro amore in quegli anni drammatici: il rastrellamento del Ghetto di Roma e la deportazione nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Sarà presente anche un testimone diretto, Nathan Orvieto, uno scampato alla Shoah grazie al coraggio e alla protezione di don Gaetano Tantalo che ospitò la famiglia Orivieto a Tagliacozzo, nel periodo delle persecuzioni contro gli ebrei, mettendo a rischio la sua stessa vita. Il sig. Orvieto, al termine dello spettacolo, sarà intervistato da Francesco Frezzini. Foto di scena Fabio Santucci, Myriam Fossellini, Marcello De Luca; scene Marcello Giuliani e Francesco Frezzini; riprese Tullio Pascucci; proiezioni Davide Peluso; trucchi Mariangela Di Meo. Presenta lo spettacolo Orietta Spera.

Continua a leggere

Senza categoria

Manutenzione ospedali, Asl: la Zanzi lascerà a fine mese e pagherà gli stipendi

Pubblicato

on

L’Aquila – La Asl strappa un accordo alla Zanzi, garantisce il pagamento delle mensilità degli operai, tutela i lavoratori e scongiura l’interruzione del servizio di manutenzione degli impianti meccanici dell’azienda. Martedì scorso, con una mossa risolutiva, la direzione Asl ha impresso un’accelerazione strategica alla vicenda che riguarda gli operai della Zanzi di Roma per i quali, nei mesi scorsi, si sono registrati forti ritardi nell’erogazione dei salari a causa delle improvvise difficoltà economiche dell’impresa addetta alla manutenzione. Si è usciti dall’impasse grazie all’azione in due mosse della Asl che offre una soluzione immediata e, al tempo stesso, crea le condizioni per dare garanzie occupazionali a lungo termine ai 34 operai. “Nonostante i tempi molto risicati imposti dalla normativa”, dichiara il Manager della Asl, Rinaldo Tordera, “siamo riusciti a tutelare nell’immediato i posti di lavoro e ad avviare le procedure con cui, più o meno nel giro di un paio di settimane, incaricheremo una nuova ditta al posto della Zanzi. In questo modo abbiamo evitato il rischio di interruzioni dell’attività di manutenzione e creato le condizioni per assicurare un futuro più tranquillo alle maestranze”. In virtù dell’accordo sottoscritto con la Zanzi, che recentemente ha chiesto il concordato preventivo per gravi difficoltà economiche, la stessa ditta è tenuta, fino al 31 gennaio prossimo, ad assicurare la manutenzione degli impianti meccanici delle strutture sanitarie della provincia AQ. Nell’ambito di tale intesa la Asl garantirà il pagamento degli stipendi (non corrisposti dalla Zanzi) di novembre e dicembre scorsi. A breve verrà adottato l’atto formale di liquidazione e nei primi giorni della prossima settimana i lavoratori avranno i soldi dello stipendio delle due mensilità in busta paga. Risolta la questione urgente dei salari e della continuità del servizio di manutenzione degli impianti, la direzione Asl, contemporaneamente, si è mossa su un altro versante per trovare una nuova ditta in sostituzione della Zanzi che, come detto, il 31 gennaio uscirà di scena. La Asl, utilizzando la complessa procedura normativa prevista per situazioni di questo tipo ha serrato i tempi, districandosi velocemente tra una laboriosa serie di vincoli. L’azienda sanitaria, nel giro di pochissimo tempo, ha così istruito l’iter e lanciato il bando per trovare un nuovo datore di lavoro che, entro la prima decade di febbraio, si farà carico degli operai della Zanzi, con un nuovo contratto e adeguate garanzie a beneficio dei 34 dipendenti. Il 24 gennaio prossimo, infatti, scadranno i termini per rispondere al bando da parte delle imprese interessate e già il giorno successivo vi sarà l’aggiudicazione della gara con l’assegnazione del servizio manutenzione alla nuova ditta. La nuova impresa dovrà garantire la manutenzione di attività relative a impianti termici (caldaie), di condizionamento e idrico- sanitarie nell’intera provincia di L’Aquila.

 

 

Continua a leggere

In Evidenza

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com