Politica

CISL FP Abruzzo Molise: “La riorganizzazione della Regione Abruzzo non decolla”

cisl-abruzzo-molise“Le riorganizzazioni funzionano se sono concertate e condivise. In Abruzzo, invece, si è scelta la strada del non confronto, con ricadute negative sulla macchina organizzativa che non decolla”. È quanto dichiarato dalla CISL FP Abruzzo Molise, che definisce “confusionaria la situazione in cui versa la Regione rispetto alla riforma organizzativa degli Enti”.

“La CISL – spiega il sindacato – ha sempre sostenuto la riforma organizzativa della Regione e la delegificazione messa in atto, che avrebbero dovuto portare ad una maggiore incisività dell’azione amministrativa, a condizione che ci fosse un coinvolgimento dei dipendenti, dei dirigenti e di tutta la macrostruttura regionale. Un percorso che non è avvenuto – sottolinea il sindacato – probabilmente perché si riteneva che la riorganizzazione potesse procedere senza il coinvolgimento degli attori.

La riorganizzazione dura ormai da un anno – continua la CISL – e i primi riscontri stanno producendo disorientamento tra i dipendenti. Le nuove norme in materia di pubblico impiego riconoscono solo al datore di lavoro i poteri della riorganizzazione degli Enti, ma l’esperienza insegna che le riforme, senza la partecipazione attiva di chi le vive in prima persona nella quotidianità, portano solo ad una deriva confusa.

Nulla è perso – conclude il sindacato – se il Presidente della Regione Luciano D’Alfonso decide di riconoscere il ruolo delle organizzazioni sindacali in questi percorsi di riforma, richiesti non solo dai lavoratori, ma anche dai cittadini”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top