Attualità

CGIL:”Rilanciare riforma del lavoro e politiche per l’occupazione”

CGIL. E’ dopo aver esaminato il merito e i contenuti della riforma costituzionale proposta dal governo che

la Cgil ha espresso il suo parere negativo e si è dichiarata per il “No” alla consultazione referendaria

che si è svolta ieri. Un “No” con il quale la Cgil ha bocciato “una riforma pasticciata e che avrebbe

messo in discussione alcuni capisaldi della nostra Costituzione, con il rischio che modifiche

sbagliate non soltanto non avrebbero funzionato ma avrebbero prodotto effetti imprevedibili e

disastrosi per l’equilibrio dei poteri, la rappresentanza e l’esercizio della sovranità popolare.

Per quanto ci riguarda, la Cgil Abruzzo (come la confederazione nazionale) una volta conclusa la

consultazione referendaria ritiene sia urgente e indispensabile rilanciare l’iniziativa sindacale sui

diritti del lavoro e sui problemi del precariato, per trasformare la Carta dei diritti universali del

lavoro, presentata dalla Cgil attraverso una proposta di legge di iniziativa popolare, in un nuovo

Statuto dei lavoratori che riformi tutto il diritto del lavoro (dipendente o autonomo, a prescindere

dalla tipologia di contratto o dalla dimensione dell’azienda) manomesso da anni di liberismo. E che

sia necessario continuare la mobilitazione, in Abruzzo come in tutta Italia, per un cambiamento

delle politiche economiche e sociali che porti al rilancio della crescita, dell’occupazione e a una

maggiore equità sociale”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top