Politica

Casetta asismica, recuperati oltre 560 mq. Di Pangrazio: “Promessa mantenuta”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Avezzano – “Detto fatto! – esclama il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio – in pochi giorni, dal momento in cui la società del gas ha provveduto a staccare il servizio, i lavori di demolizione e di bonifica hanno preso il via e stanno per concludersi. Un’altra promessa mantenuta dalla nostra amministrazione che lavora quotidianamente per rispondere alle istanze del territorio e valorizzare ogni angolo della nostra città. In questo caso, poi, – spiega il primo cittadino – non si è trattato solo di un intervento di natura strutturale con il quale abbiamo recuperato oltre 560 mq, ma di un’opera dal grande valore sociale a tutela della sicurezza pubblica visto che, la casetta in questione, era soggetta a frequenti occupazioni abusive e costituiva una forte preoccupazione per tutto il quartiere, date le condizioni igenico-sanitarie in cui versava. Ora l’obiettivo è quello di individuare la destinazione migliore per l’area bonificata – continua – è per questo che ascolterò i residenti del quartiere e il parroco della Chiesa Santissima Trinità, al fine di trovare insieme la giusta intesa per la soluzione più idonea. Del resto, come più volte dimostrato da questa amministrazione, il modo migliore per svolgere un buon lavoro per la città è operare sempre insieme ai suoi protagonisti: i cittadini”.

“Un impegno preso e mantenuto, per cui ringrazio di cuore il sindaco Di Pangrazio e la sua amministrazione – ha commentato Don Ennio Tarola, parroco della Chiesa Santissima Trinità – con la demolizione delle baracche e la pulizia dell’area, sono riusciti perfettamente nell’intento di mettere la parola fine ad una situazione che ha rappresentato, per troppi anni, un disonore per la città e per la parrocchia”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top