Cronaca e Giudiziaria

Casa famiglia “agibile”? Di Pangrazio mette i puntini sulle i

In relazione all’articolo apparso sul quotidiano “Il Centro” del 06/04/2014, l’Associazione A.N.F.F.A.S. precisa quanto segue:

La struttura sita in Tagliacozzo (AQ) è idonea all’utilizzo per gli scopi istituzionali dell’Associazione. La struttura benché ultimata ormai da tre anni  è rimasta chiusa a causa di lungaggini burocratiche e non per problemi legati alle autorizzazioni necessarie. Rimanendo chiusa è stata oggetto di atti di vandalismo e furti che hanno arrecato notevoli danni economici a danno dei contributi pubblici e privati che sono stati necessari alla realizzazione.

La struttura è stata realizzata adempiendo a tutte le normative vigenti  comprese quelle della ASL, sotto la supervisione di n. 4 tra ingegneri ed architetti di Tagliacozzo (AQ).

Il terreno per costruire la struttura è stato concesso gratuitamente all’Associazione dall’Amministrazione comunale di Tagliacozzo (AQ) allora guidata dal Sig. Sindaco Giampiero Pendenza, il quale, in un articolo del 07/11/2013 pubblicato sul giornale online “Terre Marsicane”, precisava che, in seguito alle analisi eseguite nel 2012, fosse tutto in regola, contrariamente alle sue precedenti strumentali dichiarazioni.

L’A.N.F.F.A.S., essendo un’Associazione impegnata esclusivamente nell’interesse delle persone più deboli, ha ritenuto opportuno concedere  temporaneamente in uso lo stabile ad un gruppo di anziani e disabili che avevano urgenza di ricovero, in quanto erano rimasti improvvisamente senza una struttura.

Da parte dei Consiglieri firmatari dell’articolo menzionato, Sig.ri Alfonso Gargano e Roberto Giovagnorio, ci saremmo aspettati collaborazione ed aiuto per risolvere i problemi delle persone più deboli e non polemiche sterili, strumentali e demagogiche per puri interessi politici, visto che comunque è a loro conoscenza che non vi è pericolo di sorta per la salute degli ospiti della Casa Famiglia, ma che è solamente un problema di lungaggine burocratica.

Infatti, il Sindaco Sig. Maurizio Di Marco Testa, dimostrando la propria volontà a risolvere i problemi per consentire l’apertura della struttura, ha emesso un Ordinanza datata 20/11/2012, avvalorata dalle risultanze della Conferenza dei Servizi del 24/09/2012, nella quale disponeva l’utilizzo della struttura a seguito di analisi e controlli eseguiti sul sito ove la stessa sorge.

Pertanto, ad oggi la struttura può essere utilizzata senza il pericolo di cagionare danni alla salute.

 

Il Presidente

Giovanni di Pangrazio

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top