Cronaca e Giudiziaria

Cartelle “Pazze” a Carsoli: recapitate… e subito scadute

Per la serie cartelle pazze o quantomeno bizzarre, ecco una notizia da Carsoli: i contribuenti, già alle prese con i pagamenti dell’irpef, dell’iva, tra commercialisti, caf, poste e banche per non parlare delle solite bollette di luce, gas e telefono, nella giornata di ieri, si sono visti recapitare dal Comune di Carsoli il modello semplificato F24 per il pagamento della prima rata della Tari(la tassa sui rifiuti) tramite il servizio postale con scadenza improrogabile dello stesso giorno. Ora, che il servizio postale in Italia non sia efficiente è cosa risaputa ormai da tempo, ma questa volta, la colpa di questo disservizio, se così si può affermare ,è esclusivamente dell’Ufficio Tributi del Municipio. I cittadini di Carsoli hanno dovuto fare una vera e propria corsa contro il tempo alle poste e alle banche per pagare “l’odioso” tributo dovuto onde evitare le quasi sicure sanzioni che verranno applicate per il ritardo. E chi non ce l’ha fatta? Forse, dovrà rassegnarsi a versare nuovamente gli interessi passivi di mora nelle casse comunali dopo aver inutilmente protestato per far valere le proprie giuste ragioni. E il Sindaco con la sua nuova giunta cosa faranno a tal proposito, si sono chiesti in molti? Andranno a riposarsi al mare e in montagna o chi sa in qualche convento o monastero per ritemprare l’anima e il corpo in vista dei gravosi impegni lavorativi che sono previsti per il periodo autunnale con buona pace e soddisfazione di tutta la cittadinanza di Carsoli.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top