Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ultim'ora

Carni rosse cancerogene, Coldiretti teme per la produzione italiana


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

La studio dell’Oms, secondo il quale le carni rosse processate sarebbero pericolose per l’organismo in quanto cancerogene, secondo il capo area sicurezza alimentare e produttiva della Coldiretti, Rolando Manfredini, avrà ripercussioni negative sui consumi e sulla produzione di carne italiani a causa dei toni ‘allarmistici’ con cui è stato diffuso.

“Esattamente come accadde con l’aviaria – ha detto a un convegno internazionale organizzato a Expo Milano 2015 dal Ministero dello Salute – caleranno i consumi e quindi anche la produzione italiana. Siamo di fronte a un allarmismo che rima con terrorismo perche’ si tratta di uno studio globale che non tiene conto dei differenti consumi di carne, dai nostri molto equilibrati ai massicci di Usa e Australia. Inoltre, abbiamo sistemi diversi di produzione con disciplinari molto rigidi che hanno fatto dire a molti studi che la carne italiana è la migliore”. “Dobbiamo dare un’informazione corretta”, conclude.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top