Ultim'ora

Capistrello in ginocchio, scuole chiuse e grottini allagati

L’ondata di Maltempo ha colpito duramente anche il comune marsicano di Capistrello. L’acqua, venuta giù con forza e violenza fin dalle prime ore del pomeriggio di oggi, ha praticamente costretto quasi 500 famiglie ad uscire dalla loro abitazione, soprattutto lungo via Santa Barbara e Via dei Martiri e a restare a bordo strada per paura e timore di gravi conseguenze. Il sindaco, Francesco Ciciotti, intanto, ha emesso l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado valida per tutto il suo territorio amministrato per la giornata di domani.

I danni sono molteplici e riguardano soprattutto le abitazioni provviste di grottini e garage. L’acqua, secondo le testimonianze raccolte, sarebbe arrivata addirittura fino al soffitto del locali adibiti a rustici.Una persona, infatti, è rimasta quasi soffocata dalla veemenza dell’acqua entrata nelle case. Avrebbe accusato un malore poiché rimasta per un momento sommersa da un vero e proprio fiume in piena. Per la forza della bomba d’acqua, in alcune case, l’acqua sarebbe fuoriuscita dai water.

Il primo cittadino, assieme ad altri vari sindaci della Marsica colpiti in maniera dura dal maltempo, ha avanzato la proposta di richiedere lo stato di calamità naturale per la zona marsicana. Intanto, la situazione non migliora. Alcuni cittadini ci fanno sapere che i VVF in questo momento non sono operativi sul territorio poiché attivi su altri fronti, come ad esempio, la località di Canistro, totalmente in ginocchio a causa dello straripamento del fiume Liri.

Le foto fotografano una situazione serale devastante. Inoltre, in considerazione dell’evoluzione dei fenomeni meteorologici in corso, la Protezione civile ha aggiornato la valutazione di criticità; in Abruzzo questa diventa rossa per rischio idraulico nella Marsica. (g.c.)

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top