Politica

Cannabis, Acerbo: “Pellegrini vittima della giunta regionale”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Si è conclusa alle ore 11.00 la conferenza stampa organizzata da Rifondazione Comunista e AGL Abruzzi sulla mancata attuazione della legge regionale che consente l’uso di cannabinoidi a scopo terapeutico e la conseguente impossibilità, nei casi come quello di Fabrizio Pellegrini, di accedere ai farmaci. Hanno partecipato Maurizio Acerbo, membro della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista e promotore della legge abruzzese, e Vincenzo Di Nanna, segretario di AGL Abruzzi e difensore di Pellegrini.

“Il caso Pellegrini conferma un quadro che denunciamo da tempo: in Abruzzo è negato l’accesso ai farmaci a base di cannabinoidi. Il paradosso è che nonostante questa proposta di legge, di cui io sono stato proponente, sia stata approvata a gennaio 2014 quando peraltro c’era una giunta di centrodestra, la giunta D’Alfonso non ha fatto nulla per applicarla”, ha spiegato Acerbo. “La Regione sarebbe tenuta a erogare il farmaco presso le ASL attraverso apposite procedure, che per le nostre ASL rappresenterebbe un risparmio perché, se la giunta si fosse mossa per tempo, entro la fine dell’anno saremmo in grado di essere produttori, con un enorme sgravo per il servizio sanitario nazionale. La Regione avrebbe dovuto già da due anni erogare ai pazienti gratuitamente farmaci a base di cannabinoidi importandoli e nel frattempo provvedere per la produzione in loco “.

“La legge che prevede la possibilità di coltivare la cannabis a scopo terapeutico è rimasta inattuata e, oltre agli evidenti danni all’erario, ci troviamo in una situazione in cui Fabrizio Pellegrini, ad oggi, è privo di cure, perché è in detenzione domiciliare e per avere la cura necessaria dovrebbe violare le prescrizioni, e questo comporterebbe il ritorno in carcere. Stiamo infatti valutando la possibilità del trasferimento in una regione in cui possa ricevere le cure necessarie e, in questi giorni, per individuare una struttura si sono attivati con noi la ‘Garante dei detenuti di fatto’ Rita Bernardini, ma anche la sen. Stefania Pezzopane”, ha dichiarato Di Nanna. “Ricordo che, in una recente conferenza stampa, Marco Pannella disse che l’Italia è uno stato-canaglia e come tale dev’essere processato. L’Abruzzo regione-canaglia? Siamo davanti a una Regione che viola le sue stesse leggi, calpestando i diritti umani fondamentali a partire dall’art. 32 della Costituzione”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top