Cronaca e Giudiziaria

Canistro senza acqua potabile, si quantificano i danni nella Marsica

Acqua non potabile per l’intero paese di Canistro, a causa delle infiltrazioni nella rete idrica di liquami provenienti dagli smottamenti e dalle frane che hanno interessato tutta la zona della Valle Roveto, in seguito al nubifragio che si è abbattuto ieri sulla Marsica. Il corpo forestale dello stato e i carabinieri stanno distribuendo ai cittadini acqua minerale proveniente dal locale stabilimento ‘Santa Croce’.

Nel frattempo presso il comune di Canistro si è tenuto un vertice per identificare le priorità di intervento per la gestione delle emergenze idrogeologiche che hanno causato l’isolamento di abitazioni della Valle Roveto. Hanno preso parte alla riunione i sindaci della Valle Roveto, il vice presidente della Giunta regionale Giovanni Lolli, il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio e i dirigenti della protezione civile regionale. Una squadra di geologi sta già effettuando sopralluoghi nelle zone critiche per adottare i provvedimenti di urgenza onde evitare ulteriori disagi. Anche al comune di Avezzano si è riunito un tavolo tecnico, presieduto dal sindaco Giovanni Di Pangrazio, con i responsabili del bacino idrico e le varie associazioni di categoria, per quantificare i danni nei paesi della Marsica. Non è escluso che si possa arrivare a chiedere la proclamazione dello stato di calamità naturale.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top