Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cronaca e Giudiziaria

Canistro, avvocati: “Concessione acque alla Santa Croce illegittima”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Gli avvocati del comune di Canistro, Salvatore Braghini e Renzo Lancia, intervengono sulla vicenda della Sorgente Santa Croce per segnalare l’illegittimità dell’operato della regione Abruzzo nell’attribuzione definitiva della concessione delle acque minerali all’impresa Santa Croce di Camillo Colella. “Un’aggiudicazione – dicono gli avvocati – che viola le norme del Capitolato di Gara, laddove la regione ha proceduto all’aggiudicazione provvisoria e a quella definitiva nonostante la Santa Croce non abbia fornito la documentazione necessaria richiesta dal Bando. Ciò si evince dagli atti della Commissione aggiudicatrice e del dirigente regionale Iris Flacco, notificati il 24 giugno 2015 al comune di Canistro.

In mancanza del DURC e di altri documenti richiesti – spiegano i legali – il dirigente regionale, invece di procedere all’annullamento dell’aggiudicazione provvisoria a causa dell’esito negativo della verifica dei requisiti, ha adottato la determina per l’aggiudicazione definitiva. Non sono valide le ragioni invocate dalla regione per l’aggiudicazione relativamente alle esigenze di celerità del procedimento, in quanto l’impresa già concessionaria non ha mai smesso di funzionare, tanto più che la regione era consapevole del giudizio cautelare pendente al TAR per violazione di norme amministrative e di tutela ambientale, per la cui definizione si attende il 16 dicembre prossimo.

Inoltre – aggiungono Braghini e Lancia – la Santa Croce non ha fornito assicurazioni per la salvaguardia dei posti di lavoro, nonostante il maxi-sconto sul prezzo dell’acqua minerale (da 5 € a 0,30 centesimi al m3 d’acqua utilizzata) spettante soltanto in caso di osservanza dei patti occupazionali siglati con la regione. Dunque, la giunta regionale non solo ha finanziato gli ammortizzatori sociali operai della ditta, ma ha rinunciato a 4,70 euro a m3 con una perdita di risorse pubbliche, e non ha nemmeno conferito al comune di Canistro il 10% dell’entrate sul canone d’uso come previsto dalla l.r.15/02 sulle acque minerali”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top