Politica

Campus Valle del Giovenco, Meetup Pescina 5 stelle: non siamo contrari ma perplessi

“Ricordiamo che la posizione del Meetup Pescina 5 Stelle non è di contrarietà pregiudiziale al Campus, ma di perplessità per il modo in cui è stato gestito l’iter della manifestazione d’interesse, per la carenza d’informazione e per il mancato coinvolgimento della popolazione al progetto. Una scelta per essere condivisa, deve coinvolgere un’ampia platea, corpo docenti e genitori, e tener conto degli interessi e delle prospettive future di tutti i comuni della Marsica orientale”.

“La delibera di giunta regionale n. 825/2015 confezionata dall’assessore Di Matteo e sostenuta dal consigliere Di Nicola, annuncia “Urbi et orbi” il gaudio per il finanziamento (in realtà è solo la partecipazione ad un concorso di finanziamento) di 2 milioni di euro per la costruzione di scuole innovative presso il Campus “Valle del Giovenco”, in località Collarmele, in una zona imprecisata del foglio 13, adiacente alla zona artigianale, – dichiara il Meetup Pescina 5 stelle – annuncio che immediatamente lascia disinteressati i sindaci di Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Ortucchio, ma che infiamma la ribellione nel comune di San Benedetto dei Marsi. Le nostre perplessità a questa “annuncite”, scaturivano nel leggere le disposizioni contenute nell’art. 1, comma 153, della Legge 107 con quelle contrastanti presenti nella scheda d’intervento della DGR 825. La prima chiara contraddizione era la destinazione agricola e la proprietà privata dell’area individuata, mentre la legge 107 prescrive la realizzazione in un sito di proprietà del comune. Questo avrebbe determinando l’indisponibilità del sito, con successiva variazione della destinazione d’uso ed espropriazione dei terreni. Inoltre, la menzione nella delibera della “esigenza di favorire gli accorpamenti di edifici scolastici”, che andrebbero tutti a confluire nel nuovo Campus, ha accresciuto ulteriori perplessità, per problemi di trasporto, per assenza di servizi essenziali nella zona”.

“Alla pubblicazione e diffusione della delibera, ben 4 comuni su 10, abbandonano il progetto, comuni che rappresentano quasi il 50 % della cosiddetta “platea di utenti” scolastici, rimanendo paladini entusiasti del progetto il sindaco di Cerchio, di Collarmele e di Pescina, un po’ meno gli altri. A confermare il fumo propagandistico del progetto – continua il Meetup – è la missiva con il successivo cambiamento dell’area d’intervento modificata ed individuata “a posteriori” nel comune di Pescina. Questi ripensamenti, queste modifiche ed integrazioni postume, potrebbero determinare l’esclusione della domanda di finanziamento di 2 milioni di euro? – domanda il Meetup 5 stelle che aggiunge: “se ciò dovesse accadere, sarà l’ennesima occasione persa della politica locale per campanilismi, con una privazione al territorio della Marsica di risorse che voleranno in altri progetti regionali. Questo dimostra un vecchio ed inadeguato modello di amministrare dei soliti partiti e potentati politici passati e nascenti, – conclude il Meetup – sempre attirati da finanziamenti e soldi da gestire ma mai attenti allo sviluppo e alle reali esigenze del territorio, dove l’unica dispersione non è quella scolastica ma quella di giovani diplomati e laureati che sono costretti ad emigrare definitivamente dalla Marsica per mancanza di possibilità di lavoro”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top