Attualità

Cam, raddoppio della bolletta per chi non installerà il contatore

Acqua a prezzo raddoppiato per le utenze prive di contatore: il consiglio di gestione del Consorzio Acquedottistico Marsicano composto dal presidente Paola Attili, dall’amministratore delegato Giuseppe Venturinidal consigliere di gestione Armando Floris, in attuazione del Decreto legislativo 152/2006 e delle direttive dell’assemblea dei sindaci dell’ex Ato 2 finalizzate a dar vita a un sistema idrico uguale per tutti, dà l’ultimatum agli utenti che pagano ancora a forfait e fissa al 30 giugno la data ultima per avviare le procedure mirate all’installazione dei misuratori di consumo. Obiettivo: adeguarsi alle leggi dello Stato e limitare il consumo di una risorsa preziosa.

La nuova tariffa per i pagamenti a forfait, misura destinata agli ultimi utenti che consumano l’acqua senza alcun controllo, scatterà inevitabilmente con la bolletta del 2° quadrimestre 2016. “Per evitare il raddoppio della bolletta – hanno informato i tre componenti del consiglio di gestione nelle bollette del 1° trimestre – tutti gli utenti con profilo tariffario a forfait devono dotarsi del misuratore idrico fissando un appuntamento per il sopralluogo dei tecnici entro e non oltre il 30 giugno 2016 contattando il numero 0863/4589212, oppure all’indirizzo e mail progettocontatori@cam-spa.com”.

Avviso che sta dando buoni frutti, in particolare nei centri più grandi, come Avezzano e Celano, dove decine di utenti hanno già aderito all’invito del Cam per siglare il contratto propedeutico all’installazione del contatore. La campagna di installazione dei contatori avviata dal Consorzio interessa anche altri 8 comuni della Marsica sprovvisti parzialmente o totalmente dei misuratori di consumo, ovvero Capistrello, Cappadocia, Magliano dei Marsi, Ovindoli, Pereto, San Benedetto dei Marsi, Scurcola Marsicana e Tagliacozzo.

1 Comment

1 Comment

  1. Pietro Taccone

    15 giugno 2016 at 13:20

    Perché io devo dotarmi di un misuratore e non L’azienda che mi fornisce il servizio? chi dovrà gestire la lettura? e se dovranno gestirla gli utenti,come faranno gli anziani?perché dopo aver pagato gli oneri di urbanizzazione al mio comune oggi mi serve il consorzio(altro carrozzone politico)per avere un servizio che può darmi il mio comune?Cittadino Arrabbiato!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top