Abruzzo

Calciatori minacciati con un coltello… e il secondo tempo non si gioca

Si è giocato solo il primo tempo sullo 0-1 con la rete al 35’ di Pelaccia, tra Castelvecchio Subequo e Decontra Scafa. Stando alla ricostruzione delle due squadre che non coincidono, dopo il fischio di Mattia Di Paolo di Chieti, in quel momento di spalle, un uomo non identificato si sarebbe avvicinato ad alcuni giocatori ospiti con un oggetto contundente.

All’arrivo dei carabinieri al campo, è seguito il “terzo tempo” nella caserma di Castelvecchio. «Abbiamo chiamato noi i carabinieri», hanno spiegato dal Decontra Scafa, «dopo che un uomo con il viso coperto da cappello e occhiali da sole è uscito dalla panchina avversaria e ha mostrato un coltello ad alcuni nostri giocatori che, preoccupati, sono rientrati negli spogliatoi. L’arbitro era di spalle».

Differente la versione del Castelvecchio. «La partita è stata sospesa perché il Decontra nella ripresa non è rientrato in campo, così l’arbitro ha fischiato. Noi volevamo giocare. Non so cosa abbiano visto, neanche l’arbitro ha visto nulla».

1 Comment

1 Comment

  1. Nino LA Fibra Orlandi

    Nino LA Fibra Orlandi

    14 aprile 2014 at 17:08

    ANDATE A ZAPPARE ZOTICONI DELLA DOMENICA PURE COI COLTELLI !!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top