Cronaca e Giudiziaria

Bracconaggio, armi e denunce nel Parco Nazionale d’Abruzzo

Con le accuse di bracconaggio ed introduzione di armi da fuoco nel Parco Nazionale d’Abruzzo, tre uomini di Ortona Dei Marsi sono stati denunciati dagli agenti della forestale alla procura della Repubblica di Avezzano. Gli agenti del Nipaf di L’Aquila e della stazione di Avezzano, in seguito a perquisizioni domiciliari scattate all’alba, hanno sequestrato 5 fucili, di cui uno di precisione pronto all’uso, 9 coltelli, cartucce calibro 12 e proiettili a piombo spezzato vietati per la caccia, oltre che a radiotrasmittenti, illuminazioni notturne e 20 chili di carne da identificare. Secondo le indagini, coordinate dal vicequestore Antonio Renato Rampini e condotte attraverso pedinamenti, appostamenti e filmati, i tre erano soliti abbattere cinghiali nella zona del Parco. Gli accertamenti nei confronti dei denunciati sono partiti in seguito al riconoscimento di una foto postata sul profilo facebook di uno dei tre, che ritraeva l’uomo con una camicia usata solitamente nelle battute di bracconaggio corrispondente a quella filmata nel corso delle indagini che continuano per l’identificazione di altri bracconieri. L’operazione fa parte di un filone d’inchiesta che nel novembre 2015 aveva portato all’arresto in flagranza di altri due bracconieri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top