Cronaca e Giudiziaria

Botte e minacce davanti ai figli: assolto celanese

Violenza, minacce e insulti davanti ai figli: questo, secondo una marsicana, il trattamento che le avrebbe riservato più di una volta il consorte, S.C., 45 anni di Celano. L’uomo, a seguito della denuncia presentata dalla moglie, nel settembre 2015 fu raggiunto da un decreto di allontanamento dalla propria abitazione, disposto dal gip del tribunale di Avezzano.

Nel corso del processo è emerso che, nonostante la denuncia presentata dalla donna e le dichiarazioni della madre di questa, “la presunta parte offesa non ha mai riportato segni di percosse, se non sporadici litigi che avvengono tra tutte le coppie”.

Nel febbraio 2015 la donna aveva cercato conforto presso i vicini, che, intervenuti per sedare la lite, hanno dichiarato che non vi erano state, a loro avviso, percosse, ma solo insulti dovuti ai non facili rapporti dell’uomo con la famiglia della moglie. Il pm Roberto Savelli aveva chiesto la condanna dell’uomo a 10 mesi e 20 giorni di reclusione.

S.C., difeso dall’avvocato Roberto Verdecchia, è stato assolto con formula piena dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Avezzano, Francesca Proietti, perché “il fatto non sussiste”.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top