Cronaca e Giudiziaria

Avezzano, stalker perseguitava da oltre un anno il vicino di casa


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Ha perseguitato dal 2015 ad oggi il vicino di casa ed i suoi familiari, minacciandoli e danneggiando le loro auto ed abitazioni. Nei guai un uomo di Avezzano di 50 anni: la misura cautelare dell’obbligo di presentazione al P.G., emessa dal gip del Tribunale di Avezzano su richiesta della Procura della Repubblica, è scaturita dagli esiti investigativi, riferiti dai Carabinieri di Avezzano, effettuati a seguito di una denuncia di un avezzanese di 65 anni circa atti persecutori commessi dal vicino di casa.

Lo stalker, con reiterate condotte oppressive protrattesi dal mese di maggio 2015 ad oggi, ha perseguito con ripetuti danneggiamenti e minacce il proprio vicino di casa, ingenerando un continuo stato d’ansia e paura. La vittima ed i suoi familiari hanno dovuto subire una lunga serie di danneggiamenti delle autovetture di proprietà e delle abitazioni, nonché messaggi minatori vergati sulle bollette sottratte dalla cassetta postale della vittima. I gravi episodi perpetrati dall’uomo sono rimasti velati dall’anonimato fin quando i Carabinieri di Avezzano hanno fatto luce individuando il responsabile.

Fatale per lo stalker è stato apporre una sorta di firma a sigillo delle proprie condotte ossessive e seriali: l’uomo, infatti, faceva trovare alla vittima delle ricevute del 10 e lotto con giocati i numeri di targa delle vetture danneggiate, a volte con disegnata sopra la sagoma del mezzo corrispondente. Purtroppo per il molestatore, sulle ricevute viene indicato oltre al codice della ricevitoria anche l’ora e la data della giocata, permettendo l’acquisizione di riproduzioni video delle telecamere presenti nelle ricevitorie e nei pressi. Gli accertamenti investigativi hanno pertanto permesso di dare un volto ed un nome all’anonimo stalker e porre fine alla lunga serie di condotte oppressive.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top