Politica

Fronte del No Avezzano: incontro sulla Riforma Costituzionale dal titolo “Un No scelto per bene”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Avezzano – Mercoledì 19 Ottobre alle ore 17:30 presso la sala convegni del Comune di Avezzano si terrà un incontro sul referendum costituzionale. L’appuntamento dal titolo “ Un No scelto per bene”  vedrà l’intervento tecnico del Professore Carlo di Marco dell’Università di Teramo per approfondire gli aspetti della riforma costituzionale che rendono opportuno votare No il 4 Dicembre.  Gli organizzatori del convegno Nazzareno di Matteo, Lorenzo De Cesare, Armando Floris, Stefano Chichiarelli, Tiziano Genovesi, di diversa provenienza politica, culturale e professionale, hanno voluto organizzare uno spazio di approfondimento centrato sulle ragioni del No.

“Gli elementi a sostegno della proposta Renzi-Boschi-Verdini sono ribaditi quotidianamente da una efficace e pervasiva propaganda. Ci sembra- affermano i promotori dell’iniziativa- che la storia della Riforma abbia cambiato verso rispetto alle apprezzabili intenzioni iniziali e si  sia trasformata in tutt’altro.

La necessità di regole condivise per rendere più efficienti le istituzioni è stata stravolta. Sembra che la modifica della Carta Costituzionale sia stata utilizzata per legittimare il potere politico contingente. Si rischia non solo di trasformare il modello Ala (l’accordo con Verdini) da patologia in fisiologia del sistema, ma di aprire il campo ad un bicameralismo confuso e al ritorno del potere centrale a danno delle autonomie.  Il testo, scritto sotto dettatura del Governo,  sembra per alcuni versi un’appendice dell’Italicum, crea un Senato part time non abolendolo, individua almeno otto iter legislativi, giustifica una reale verticalizzazione del potere limitando di fatto il potere di scelta dei cittadini e coprendo tutto ciò con alcuni tagli ai costi tutti da chiarire.Votare no- concludono – vuol dire creare l’opportunità di una vera riforma che vada oltre lo spot elettorale.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top