Altri articoli

Avezzano, città di cantieri… L’elenco completo dei lavori in programma

È stato presentato oggi, in conferenza stampa, il piano dei lavori che prenderanno il via durante il primo semestre di questo nuovo anno e che daranno alla città di Avezzano un volto nuovo. Ad illustrare, dati alla mano, i tempi tecnici dell’impresa ha provveduto il sindaco Giovanni Di Pangrazio che, contornato da assessori, amministratori e dirigenti, ha orgogliosamente esposto i risultati dell’impegno portato avanti dalla sua giunta nel reperire i quasi 13 milioni di euro che ci si appresta ad investire in opere di pubblica utilità. Ma cosa cambierà precisamente in città? Vediamo in dettaglio la tabella di marcia.

Ad aprire la serie dei cantieri cittadini sarà, con un investimento di 185 mila euro, il progetto di riqualificazione della Pineta che partirà nel mese di febbraio e permetterà la sistemazione della zone ‘Tre Conche’ con l’istituzione di percorsi natura ad uso dei tanti podisti che animano il luogo. 200 mila euro saranno invece destinati, sempre durante il mese prossimo, alla risistemazione del palazzetto della “Vivenza”, danneggiato dalla forte nevicata di due anni fa.

A marzo toccherà alla riqualificazione della Piazza del Mercato (145 mila euro) destinata, nelle intenzioni del Comune, ad ospitare il mattutino mercato di prodotti a km 0 per trasformarsi poi, la sera, in un «gioiello a disposizione dei giovani» in previsione, forse, anche della chiusura al traffico del quadrilatero che contorna la piazza . Marzo sarà poi anche il mese del Microcredito. Considerando infatti il successo del primo bando che portò al finanziamento di 60 progetti per un totale di 130 mila euro erogati, il Comune di Avezzano ha deciso di concedere il bis avviando una nuova procedura che, come la precedente, mira a sostenere famiglie in difficoltà e progetti giovanili.

Il mese di aprile vedrà invece la sistemazione della scuola “Vivenza” (1 milione e 400 mila euro), l’installazione di 30 nuove telecamere di video sorveglianza (150 mila euro) e la sistemazione di via Monte Cervato (500 mila euro) dove, grazie ad un finanziamento provinciale, si procederà ad un allargamento del manto stradale.

Grazie ai 250 mila euro concessi dalla Fondazione Carispaq, a maggio si potrà partire con la riqualificazione  di Piazza Risorgimento, mentre, per quanto attiene alla fontana centrale, già dalla prossima settimana, si procederà ad esporre pubblicamente al giudizio della cittadinanza i progetti di riorganizzazione giunti in Comune a seguito di un concorso.

Durante i mesi di giugno e luglio l’amministrazione si concentrerà, invece, sull’edilizia scolastica con l’istituzione di cantieri che demoliranno gli istituti di via Cairoli e via Fucino, ristruttureranno la scuola di via San Potito e recupereranno la storica scuola Montessori da adibirsi, grazie ai 550 mila euro dalla Fondazione Carispaq, a centro giovanile.

Sempre nei mesi estivi si provvederà, inoltre, alla risistemazione della riserva naturale del Salviano (305mila euro per fontanile al valico, punti di osservazione, aree sosta, sentieristica, bonifica detrattori ambientali, sistemazione ex casetta Anas), mentre durante l’anno prenderà forma anche il progetto “Smart City” (19 milioni di euro per creare un ponte di servizi avanzati tra Roma e la Marsica), il progetto “Incubatore d’impresa” (finanziamenti dal Ministero dello Sviluppo Economico per assistere la nascita di nuove imprese e fornire assistenza a quelle esistenti) e, su richiesta dei parrocchiani di san Giovanni, partiranno i lavori di delimitazione dello spazio antistante la chiesa allo scopo di garantire la sicurezza dei fedeli.

L’ultimo sforzo dell’amministrazione riguarda le Università de L’Aquila e di Teramo con le quali si sta avviando una collaborazione che, oltre a potenziare la Facoltà di Giurisprudenza, porterà in città anche la Facoltà di Agraria. Sul destino della scuola “Fermi-Corradini”, invece, ancora niente di certo. Nonostante gli investimenti economici già fissati per il prossimo piano triennale, infatti, sussistono ancora dubbi che il sindaco vuole fugare avviando un colloquio diretto con la cittadinanza.

3 Comments

3 Comments

  1. Alessandra Biocca

    Alessandra Biocca

    17 gennaio 2014 at 16:51

    ….remagna un sacco de gente…

  2. lucia

    17 gennaio 2014 at 23:26

    ……e vengono toccati sempre gli stessi posti!!!!! Almeno facessero uno sconto ai dimenticati!!!

  3. Caterina Pinori

    Caterina Pinori

    18 gennaio 2014 at 9:07

    Sempre le solite zone perchè il sindaco non vede le altre zone dove c’è solo immondizia?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top