Avezzano Calcio

Avezzano, arrivata la lista dei ripescaggi… ciao ciao serie D

Sono 4 le società aventi diritto che non hanno presentato domanda di ammissione al campionato di Serie D 2014/2015 alla chiusura dei termini per le iscrizioni che era fissata per le ore 18 di oggi. Chiavari Caperana, Mariano Keller, Trissino Valdagno (che avevano formulato espressa rinuncia) e Castel Rigone non hanno inviato le documentazioni alla Lega Nazionale Dilettanti mentre quelle delle altre 167 società aventi diritto (in realtà 166 per l’esclusione della Nocerina) saranno esaminate dalla Co.Vi.So.D. che, entro il 18 luglio 2014, comunicherà alle società l’esito dell’istruttoria inviandone copia per conoscenza alla LND e al Dipartimento Interregionale. La domanda si intende accolta a seguito di esito positivo da parte della Co.Vi.So.D mentre, in caso contrario, le società potranno presentare ricorso avverso entro il 22 luglio 2014 (ore 14). La Co.Vi.So.D esprimerà, entro il 25 luglio ore 14, parere motivato al Consiglio Direttivo della LND che assumerà la decisione nella riunione del 31 luglio con espressa delega al Presidente della LND, di escludere successivamente quelle società che, a seguito di accertamento si siano rese responsabili della presentazione di documentazione amministrativa falsa e/o mendace.
A questo primo step era interessato l’Avezzano che ha presentato invece domanda di ripescaggio. Le 4 esclusioni vanno ad erodere gli 8 posti in sovrannumero (perché la Nocerina difficilmente potrà essere ammessa in serie D dopo l’esclusione per illecito sportivo dalla Lega Pro) per le 9 retrocessioni in più dalla Lega Pro dovute alla creazione della serie C unica. Il club di Gianni Paris è dodicesimo nella graduatoria dei ripescaggi. La Covisod potrà apportare tagli a chi come ogni anno ha sì presentato domanda ma non completa. In tutto questo bisogna tenere presente cosa accadrà nella nuova serie C perché per 10 club (Ischia, Pavia, Viareggio, Melfi, Reggina, Grosseto, Mantova, Pro Patria, Padova e Savoia) si è in attesa del verdetto della Covisoc.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top