Connect with us

Attualità

Avezzano, approvato nuovo bando per la raccolta dei rifiuti: “Virtuoso, migliorerà qualità della vita”

Pubblicato

on

Il Sindaco e l’Assessore all’Ambiente “Approvato il progetto. bando virtuoso ad esclusivo beneficio dei cittadini”
AvezzanoLa giunta Di Pangrazio approva il progetto per il servizio di realizzazione e mantenimento del decoro del territorio e dell’igiene urbana proposto dalla delibera n. 90919 del 12 gennaio 2017. Lo rende noto l’assessore all’ambiente, Roberto Verdecchia “Abbiamo lavorato intensamente al progetto che cambierà l’assetto della città, migliorandone la qualità della vita, aumentando i servizi e favorendo il risparmio nel prossimo futuro – spiega l’assessore – Nello specifico, per il bando di gara che verrà pubblicato nei prossimi giorni, l’importo previsto a contratto èpari a 26.750.000,00 euro, comprensivo di oneri della sicurezza per 620.000 euro,con previsione di un prezzo base d’asta di 5.350.000,00 euro (somma soggetta a ribasso), da parte dei partecipanti come da disciplinare di gara in fase di pubblicazione da parte della Centrale unica di committenza (CUC). Rispetto al bando dell’anno 2011/2012 sono presenti degli aspetti interessanti e delle rilevantidifferenze. Il nuovo bando di gara, infatti, è caratterizzato da un importo previsto a contratto soggetto al ribasso, inferiore rispetto al precedente e che offre maggiori servizi, compreso un controllo capillare da parte degli uffici del Comunesull’andamento della gestione”.

Il bando di gara e il relativo progetto rappresentano la giusta sinergia per un miglioramento di tutti i servizi e per la loro implementazione a costi decisamente contenuti rispetto al passato, – ha aggiunto il sindaco, Giovanni Di Pangrazio – tutti elementi frutto di un intenso lavoro e di una collaborazione vincente tra amministratori e tecnici dell’Ente, che permetterà alla Città di Avezzano di continuare ad eccellere in Abruzzo”.

Un lavoro di squadra, – conclude Verdecchia – condiviso con i consiglieri che hanno partecipato alle riunioni di maggioranza, durante le quali si è potuto perfezionare il bando di gara ad esclusivo beneficio del cittadino. Con l’espletamento del nuovo bando saremo in grado di ottenere gli adeguamentiimposti dall’Europa che prevedono, per l’anno 2022, di raggiungere il dato minimo di raccolta differenziata al 70%; il tutto con una riduzione dell’attuale tariffa negli anni ad avvenire, da un minimo del 3% ad un tetto massimo dell’8% con decorrenza dall’anno 2018”.

L’assessore all’Ambiente, Roberto Verdecchia, comunica, inoltre, gli aspetti peculiari del bando di gara rispetto al precedente:

Art. 3 durata dell’appalto come per legge, anni cinque con la c.d. “spada di damocle” giustadelibera consiliare n. 71 del 21.12.2015 del subentro dell’A.G.I.R., quando la Regione riuscirà “illo tempore” a far sì che l’ente d’ambito dei rifiuti regionali possa entrare a regime sull’intera regione divisa in quattro enti d’ambito.

In relazione a tale situazione nel mese di fine gennaio 2016 e febbraio del passato anno sono stati richiesti pareri all’Anci ed all’Enac, finalizzate a avere risposta se era meglio attendere l’entrata dell’Agir e proseguire in prorogatio con l’attuale gestore, la risposta data è stata quella di procedere a nuovo bando di gara e quindi ci si è dovuti adeguare conseguenzialmente.

Art. 7 garanzia bancaria attraverso relativo polizza e non più polizza fidejussoria assicurativa come previsto dall’art. 93 d.gls 50/16;

Art. 11 e 18 controllo da parte dell’amministrazione del servizio e dei relativi ordini con applicazione di penalità in modo chiaro e specifico, stante un maggior controllo interno previsto dalla nuova normativa sui contratti;

Art. 19 risoluzione del contratto attraverso dei punti programmatici dalla lettera a alla h. Mancata previsione di risarcimento da parte dell’aggiudicatario nel caso in cui subentrerà l’autorità della gestione integrata;

Art. 20 requisiti espressi dell’aggiudicatario oltre l’iscrizione all’albo nazionale con tassative caratteristiche previste dalla norma;

– certificazione attestante competenze nel settore non solo oggettive, ma anche con risultati positivi conseguiti nel tempo;

– referenze bancarie di almeno due istituti di credito;

– ulteriori requisiti di cui all’art. 83 comma 1 lett. C;

Art. 21 ulteriori obblighi a carico dell’aggiudicatario previsti dai CAM (criteri ambientali minimi) nella misura di 39 aspetti specialistici tra i quali.

– mezzi a norma, rapporto tra personale dipendente, cittadino ed amministrazione, personale con competenze tecniche, regolarità del servizio, comunicazione immediata in caso di difficoltà del servizio, nuova carta dei servizi entro un termine brevissimo rispetto all’aggiudicazione definitiva, accesso agli atti da parte della P.A. da parte del cittadino, sistema GPS sui mezzi, realizzazione del 2° centro di raccolta con tempistica immediata nella parte nord di Avezzano previa risoluzione contrattuale, realizzazione del centro del riuso, eliminazione di ogni situazione soggetta a critica di decoro in tempi strettissimi, prevedere sistema di distributore di sacchetti per feci di animali, … provvedere alla costante pulizia dei rifiuti nell’area della Pineta con personale costante per sei giorni a settimana con minimo quattro ore lavorativegiornaliere…

Art. 28 raccolta dei rifiuti con aggiunta di materiale inerte proveniente da piccoli lavori pari a 100 Kg. presso il centro di raccolta;

Art. 49 raccolta di inerti provenienti da privati presso l’abitazione, eccedente i quantitativi dell’art. 28 con importi contenuti nel prezziario regionale;

Art. 35 modalità di raccolta dei rifiuti abbandonati sull’intero territorio comunale con relativa mappatura degli stessi con pulizia delle strade fucensi (da strada 1 a strada 11 e sullaCirconfucense per la sola banchina e non per i fossi (servizio già presente ed effettuato dal Consorzio di Bonifica);

Art. 38 ampliamento delle modalità di svolgimento dello spazzamento strade;

– aumento parziale delle frequenze (oltre l’intensificazione nel centro città ovvero nel c.d. quadrilatero, estensione nelle zone ad alta densità abitativa della parte nord e sud ed in tutte le frazioni esistenti nessuna esclusa);

Art. 43 implementazione della pulizia delle griglie, caditoie e bocche di lupo con frequenza minima alternata quadrimestrale con riscontro delle stesse in contraddittorio con personale del Comune;

Art. 45 nuova regolamentazione degli interventi per la pulizia delle scritte su edifici comunali, chiese, impianti sportivi e relativa tempistica di intervento;

Art. 47 regolamentazione nella tempistica nel ritiro dei rifiuti ingombranti a domicilio =entro non oltre tre giorni lavorativi= senza oneri aggiuntivi a carico del cittadino, previa prenotazione;

Art. 54 servizio di spalamento neve e spargimento sale in sinergia con quello appositamente approvato di anno in anno dall’Amministrazione con ruolo di sussidiario, con messa a disposizione minima di tre mezzi idonei con lama omologata e spargisale;

Art. 55 pulizia del percorso podistico del monte Salviano con relativo spazzamento quindicinale, pulizia della strada, del percorso fitness, dei cestini e delle aree di sosta presenti sul percorso.

 

 

Abruzzo

SALVINI ANNUNCIA CHE ANDRÀ AL PROCESSO INSIEME AD ALESSIO FENIELLO

Pubblicato

on

Sulla sua pagina di Facebook il Ministro Matteo Salvini annuncia che andrà al processo insieme ad Alessio Feniello.

Alessio Feniello, il padre di una delle 29 vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano, andrà a processo. A inizio gennaio il 57enne era stato condannato a pagare una multa di 4.500,00 euro per aver violato i sigilli ed essere entrato nella zona sotto sequestro del resort di Farindola per portare un fiore al figlio. Feniello, tramite il suo avvocato, aveva depositato un’opposizione alla condanna pecuniaria e ora ha ricevuto il decreto di giudizio immediato. Il papà di Rigopiano sarà processato il prossimo 26 settembre per aver violato i sigilli della zona rossa.

Intanto il 16 luglio è stata fissata l‘udienza preliminare davanti al Gup del tribunale di Pescara per gli indagati nell’ambito dell’inchiesta su quanto accaduto a Rigopiano. “Non è possibile che queste persone dopo due anni, con tutte le accuse nei loro confronti, siano ancora lì. Già questa è una vergogna. Poi condannano me perché ho portato i fiori dov’è stato ucciso mio figlio. Ridicolo“, conclude papà Feniello.

Continua a leggere

Abruzzo

LFoundry – E se stessimo guardando il dito invece della luna?

Pubblicato

on

“Poiché ormai siamo tutti allenati a riconoscere le armi di distrazione di massa, lasciamo da parte le voci di corridoio, che peraltro rappresentano l’unico argomento da poter discutere visto il silenzio inquietante del management sul futuro e sulle prospettive industriali e occupazionali della più grande realtà produttiva del nostro territorio e la seconda a livello regionale, e STIAMO AI FATTI! E’ ufficiale che: 1. lo stabilimento perde ben oltre 1.000.000 di euro al mese 2. si produce in perdita 3. da tempo non c’è la possibilità di programmare la produzione per un periodo che vada oltre i 3 mesi 4. mai prima d’ora si erano rese necessarie fermate tecniche, mentre nel solo mese di febbraio ne sono state programmate ben 2 5. la sostituzione del MES è al palo 6. i lavoratori stanno subendo sulla propria pelle gli effetti economici di un CDS miope, a partire dal taglio dalle maggiorazioni Se fino ad oggi ha prevalso la convinzione che “sarebbero arrivati i nostri”, ormai tutti i segnali fanno pensare che i ritardi nei piani di vendita, le riduzioni delle commesse, il mancato passaggio al nuovo sistema operativo, non siano semplici episodi, ma piuttosto precursori di un declino a cui sembra si stia andando incontro. E se poi venisse fuori che quel management che in perfetta solitudine si sta arrogando il diritto di determinare e condizionare il futuro di quasi 1500 persone e di un territorio intero, ha deciso si sfilarsi e quindi di prendere le distanze dalle sorti di questo stabilimento, magari ricorrendo a “efficaci” dichiarazioni di atti di responsabilità o “rassicuranti” prospettive per il futuro? …tanto poi sono cavoli di chi rimane! La FIOM continua a ritenere che quando la situazione è complessa c’è poco da sperare nei salvatori della Patria, piuttosto occorre mettere insieme tutte le forze e, con un progetto industriale serio, costruire insieme percorsi che offrano ai lavoratori le dovute garanzie. La FIOM si fa promotrice di un’azione di coinvolgimento dell’intero territorio, a partire dal Sindaco di Avezzano, al quale è stata inviata una richiesta di incontro urgente”

FIOM-CGIL Provincia di L’Aquila FIOM-CGIL Abruzzo e Molise RSU FIOM LFoundry

Continua a leggere

Abruzzo

LEGA, On. Luigi D’ERAMO: “Urge fare chiarezza nella maggioranza di centrodestra dell’Aquila, la Lega chiede con urgenza una riunione di coalizione”

Pubblicato

on


Il Deputato leghista Luigi D’Eramo, Vice coordinatore regionale, ufficializza la richiesta di una riunione di maggioranza per “chiarire in termini politici quale sia l’effettiva composizione dei partiti in consiglio comunale e quali siano gli obiettivi amministrativi che questa amministrazione intende cogliere nei tre anni che ci vedono ancora al Governo del Capoluogo.”

“Non possiamo ormai più rimandare – scrive in una nota il deputato leghista On. Luigi D’Eramo – una riunione di maggioranza tra tutti i partiti della coalizione. Urge fare chiarezza in termini politici su quali siano realmente i gruppi consiliari all’indomani delle elezioni regionali. Nelle ultime settimane abbiamo assistito a innumerevoli trasmigrazioni tra movimenti civici e partiti politici, e noi della Lega non intendiamo far passare un giorno in più senza chiarire con i gruppi consiliari quali siano le reali espressioni dei partiti, chi li rappresenta e quali assessori sono il loro riferimento in Giunta. Questa situazione di caos politico rischia di paralizzare la macchina amministrativa, e gli anni che abbiamo davanti richiedono un grande sforzo ed una maggiore serietà: la Lega è il primo partito in Abruzzo e a L’Aquila, Emanuele Imprudente è stato il candidato più votato in città nell’ultima tornata elettorale regionale e dunque abbiamo la responsabilità politica di dare un’accelerazione all’azione amministrativa del governo di centrodestra aquilano.”

Continua a leggere

Abruzzo

TRIVELLE: CONFINDUSTRIA ABRUZZO DIFENDE PRIVILEGI E AFFARI CHE UCCIDONO IL PIANETA

Pubblicato

on

Comunicato stampa di AbruzzoH2O;

Abbiamo ascoltato le sconcertanti anche se già conosciute prese di
posizione di Confindustria Abruzzo che al The Abruzzo continua, dopo la
sconfitta su Ombrina, a difendere pervicacemente le trivelle e gli
idrocarburi. Tutto ciò nonostante tutti gli studi degli scienziati e lo
stesso accordo di Parigi impongono di trasformare la nostra economia
rendendola libera da petrolio, carbone e gas, le fonti fossili che stanno
uccidendo il Pianeta con i cambiamenti climatici. La Terra è in fiamme e
loro pensano agli affari.

Confindustria si scaglia contro l’aumento di 25 volte dei canoni per le
concessioni, dimenticando di ricordare che finora l’Italia per i profitti
dei petrolieri era un vero paese di Bengodi visto che pagavano canoni
irrisori di pochi euro a kmq. L’aumento era un atto ineludibile e anche
parziale rispetto agli enormi danni che questi progetti arrecano al
territorio che vengono completamente esternalizzati. Anzi, se prendiamo
anche le royalty che non sono state modificate ancora oggi i petrolieri
godono di privilegi impensabili per qualsiasi altro settore economico.

Inoltre Confindustria Abruzzo si contraddistingue per posizioni che
giudichiamo assai arretrate anche da un punto di vista industriale. Il
provvedimento del Governo blocca, purtroppo, solo le ricerche e non le
estrazioni già in atto. Veramente Confindustria pensa che è ancora tempo di
cercare in Abruzzo nuovi giacimenti da sfruttare nel 2030-2040 quando
dovremo aver abbandonato i pozzi che stiamo sfruttando ora riconvertendo la
produzione energetica e scommettendo su settori ad alta intensità di lavoro
come rinnovabili, efficienza energetica e risparmio?

Invece di chiedere di tornare al passato sfidiamo Confindustria Abruzzo a
rispondere a questa semplice domanda: la scienza sostiene che in questi 12
anni si decidono le sorti del Pianeta, si vogliono prendere la
responsabilità di mettere a rischio la vivibilità della Terra per le
prossime generazioni solo per continuare a fare profitto?

Continua a leggere

Abruzzo

PER IL TERRITORIO DELL’ABRUZZO INTERNO È NECESSARIO UNO SVILUPPO SIGNIFICATIVO E ARMONICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE.

Pubblicato

on

PER IL TERRITORIO DELL’ABRUZZO INTERNO È NECESSARIO UNO SVILUPPO
SIGNIFICATIVO E ARMONICO DELLE
La Confesercenti del Centro Abruzzo intende riaprire subito il confronto
con il nuovo Governatore dell’Abruzzo e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio della Provincia del’Aquila.
Lo scopo è quello di dare un seguito concreto al Documento programmatico
che l’Associazione di categoria ha già avuto modo di presentare nel corso
dell’ultima campagna elettorale. Si tratta di un documento strategico per
sostenere, con un’azione di sistema, le istanze delle imprese in un momento
cruciale per la competitività del territorio, basato su punti strutturati
per offrire alla politica una prospettiva strategica territoriale, con
progetti tesi a favorire lo sviluppo, il sostegno alle imprese (in
particolare alle PMI) nel mondo 4.0, favorire la crescita e l’occupazione,
in particolare quella giovanile.
Sono obiettivi imprescindibili senza i quali non sarà possibile contrastare
disuguaglianza e povertà, favorire lo sviluppo di un’economia circolare,
ridurre i divari e garantire una crescita inclusiva e dinamica.
Per la Confesercenti del Centro Abruzzo, tutto questo assume una valenza di
alto livello strategico, se condivisa con chi si appresta a gestire la
Regione, perché il servizio politico deve essere la forma più alta di
servizio pubblico svolto nella ricerca del bene comune, al servizio di ogni
imprenditore, di ogni addetto e, soprattutto dei tanti giovani e adulti
disoccupati che stentano ad entrare o a rientrare nel difficile mercato del
lavoro. Per questo è stato organizzato un incontro con il Presidente della
Regione Abruzzo, Marco Marsilio e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio dell’Aquila: Americo Di Benedetto, Emanuele Imprudente, Giorgio
Fedele, Guido Liris, Marianna Scoccia, Roberto Santangelo e Simone
Angelosante.
L’incontro si terrà giovedì 14 marzo 2019, a partire dalle ore 19.00, nella
suggestiva cornice del “Mercato Pratola Centrale”, a Pratola Peligna (AQ)
in Via SS 5 Dir

La Confesercenti del Centro Abruzzo intende riaprire subito il confronto
con il nuovo Governatore dell’Abruzzo e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio della Provincia del’Aquila.
Lo scopo è quello di dare un seguito concreto al Documento programmatico
che l’Associazione di categoria ha già avuto modo di presentare nel corso
dell’ultima campagna elettorale. Si tratta di un documento strategico per
sostenere, con un’azione di sistema, le istanze delle imprese in un momento
cruciale per la competitività del territorio, basato su punti strutturati
per offrire alla politica una prospettiva strategica territoriale, con
progetti tesi a favorire lo sviluppo, il sostegno alle imprese (in
particolare alle PMI) nel mondo 4.0, favorire la crescita e l’occupazione,
in particolare quella giovanile.
Sono obiettivi imprescindibili senza i quali non sarà possibile contrastare
disuguaglianza e povertà, favorire lo sviluppo di un’economia circolare,
ridurre i divari e garantire una crescita inclusiva e dinamica.
Per la Confesercenti del Centro Abruzzo, tutto questo assume una valenza di
alto livello strategico, se condivisa con chi si appresta a gestire la
Regione, perché il servizio politico deve essere la forma più alta di
servizio pubblico svolto nella ricerca del bene comune, al servizio di ogni
imprenditore, di ogni addetto e, soprattutto dei tanti giovani e adulti
disoccupati che stentano ad entrare o a rientrare nel difficile mercato del
lavoro. Per questo è stato organizzato un incontro con il Presidente della
Regione Abruzzo, Marco Marsilio e i Consiglieri regionali eletti nel
Collegio dell’Aquila: Americo Di Benedetto, Emanuele Imprudente, Giorgio
Fedele, Guido Liris, Marianna Scoccia, Roberto Santangelo e Simone
Angelosante.
L’incontro si terrà giovedì 14 marzo 2019, a partire dalle ore 19.00, nella
suggestiva cornice del “Mercato Pratola Centrale”, a Pratola Peligna (AQ)
in Via SS 5 Dir

Continua a leggere

Appuntamenti della settimana

DOMANI INCONTRO INFORMATIVO AD AVEZZANO SUL REDDITO DI CITTADINANZA

Pubblicato

on

Avezzano. Domani 22 febbraio 2019 si terrà alla ex scuola Montessori in via Fontana, ub incontro dove sarà spiegata la misura del reddito di cittadinanza.

Continua a leggere

Abruzzo

MORINO : CONIUGI AGLI ARRESTI DOMICILIARI PER FURTO AGGRAVATO.

Pubblicato

on

Approfittando della relazione domestica che si era instaurata da tempo con un nucleo familiare caratterizzato dalla presenza di un invalido civile, una coppia di Morino è riuscita a sottrarre una notevole somma di denaro effettuando in più riprese, prelievi dal libretto postale intestato alle vittime.
I Carabinieri della Stazione di Morino, a seguito di una denuncia presentata a maggio 2018 dalla moglie di un 74enne del luogo, invalido al 100%, circa ingenti prelievi effettuati presso l’Ufficio Postale di Morino, da lei disconosciuti, nonché il furto di diversi preziosi in oro custoditi presso l’abitazione coniugale, hanno avviato una serie di accertamenti finalizzati all’individuazione degli autori dei furti e dell’indebito utilizzo della carta di credito, che hanno così portato, durante la scorsa notte, all’esecuzione di una misura cautelare degli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, emessa dal GIP Dottoressa Maria PROIA del Tribunale di Avezzano su richiesta del PM Dott. Maurizio Maria CERRATO.
Le investigazioni hanno permesso di raccogliere inconfutabili elementi di responsabilità a carico di due coniugi, per la donna, D.D.A., classe 75, in ordine ai reati di furto aggravato ed indebito utilizzo di carta di credito, e per l’uomo, F.D.C., classe 69, di riciclaggio. In particolare si è accertato come la 44enne, badante presso l’abitazione delle vittime, in quanto assisteva il 74enne invalido, avrebbe, tra aprile e maggio 2018, sottratto dall’abitazione dei coniugi una carta postale e relativo libretto postale intestata ai medesimi, per poi utilizzare il documento per effettuare ben 13 indebiti prelievi per un totale di Euro 7.300.
Inoltre si è accertato come l’indagata, nel corso del tempo trascorso presso l’abitazione delle vittime quale badante, abbia sottratto numerosi oggetti in oro per un valore di circa 5 mila Euro. Il marito, poi, si sarebbe recato presso un esercizio Compro Oro di Avezzano dove avrebbe realizzato diverse operazioni volte alla sostituzione dei preziosi sottratti presso l’abitazione dei coniugi, che vendeva al prezzo corrente dell’oro usato.
L’attività svolta dai militari della Stazione di Morino, in piena sinergia con l’Autorità Giudiziaria, testimonia ancora una volta come l’Arma dei Carabinieri si sia schierata a difesa di una delle fasce più indifese della nostra società, gli anziani, e che interviene costantemente su quelli che sono i reati di maggior allarme sociale come i furti in abitazione.

Al riguardo, è importante ricordare che le denunce da parte della cittadinanza sono determinati per consentire alle Forze di Polizia di orientare al meglio le investigazioni e addivenire alla compiuta identificazione degli autori.
Inoltre, l’Arma dei Carabinieri, da tempo, ha avviato, in campo nazionale, l’iniziativa rivolta a tutelare le fasce deboli ed in particolare gli anziani, spesso vittime, mediante artifizi e raggiri, del reato di truffa. Si invitano tutti i cittadini a consultare sul sito www.carabinieri.it l’apposita sezione denominata “Servizi per il Cittadino” attraverso il seguente link: http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno/contro-le-truffe, al fine di ricevere qualche consiglio per evitare lo spiacevole inconveniente di essere truffati.

Continua a leggere

In Evidenza