Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Italia

Augusto Minzolini condannato in appello


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Tutto ribaltato in appello. Per i giudici di secondo grado di Roma l’utilizzo della carta di credito Rai da parte dell’ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, fu improprio. Due anni e sei mesi di reclusione la condanna comminata dai giudici della terza sezione della Corte d’appello di Roma. In primo grado l’attuale senatore di Forza Italia venne assolto con la formula «perché il fatto non costituisce reato». Ora i giudici hanno anche disposto l’interdizione dai pubblici uffici per l’intera durata della pena. La vicenda giudiziaria era partita da un esposto presentato dall’Italia dei Valori nel quale si denunciava la gestione della carta di credito Rai fatta da Minzolini. Nel capo di imputazione si contestava al giornalista di aver sforato, in 14 mesi, il budget a sua disposizione nella misura di circa 65 mila euro, somma, poi, restituita dal direttore del Tg1 all’azienda. «Sono allibito e attonito» scrive su Twitter il senatore di Forza Italia.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top