Cronaca e Giudiziaria

Attacco terrorismo a Bruxelles: le parole di una marsicana che sta vivendo l’incubo (FOTO)

28 vittime, oltre 100 feriti e 3 bombe ancora inesplose è il bilancio temporaneo dell’attacco suicida sferrato dai terroristi islamici, questa mattina, a Bruxelles. Gli attentati sono avvenuti nello scalo di Zaventem, principale aeroporto belga alle otto del mattino e poi, a un’ora di distanza circa, nella metropolitana di Maalbek, la fermata dove centinaia di addetti alla politica, usano per raggiungere la Commissione Europea. In un contesto mediatico in cui alcuni sostengono che l’Europa è un esperimento fallito e altri sostengono di tenere duro, abbiamo raggiunto al telefono una donna marsicana che da qualche anno lavora a Bruxelles e che questa mattina, insieme al marito, stava andando a lavorare.

“Hanno attaccato il cuore d’Europa – ha sostenuto al telefono l’avvocatessa con tono impressionato -, impedendo ai cittadini europei di spostarsi tranquillamente”. Hanno colpito tutti i nostri amici – ha precisato – indistintamente, ed in questo momento siamo barricati tutti dentro casa perchè il governo ha dichiarato il massimo stato d’allerta”. Il premier belga, nel frattempo, ha confermato un bilancio provvisorio di 28 vittime e decine di feriti in una città isolata dove sono chiusi aeroporti, metropolitana e stazioni.

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top