Attualità

Asl 1, servizio 118: Avezzano postazione con più interventi

L’istituzione di un’unica ‘regia’ al San Salvatore consente di coordinare e ottimizzare al meglio l’utilizzo delle ambulanze assicurando, oltre ai canonici interventi di soccorso del 118, un nuovo servizio aggiuntivo che trasporta, tra ospedali dell’azienda ma anche al di fuori, malati farmaci e altro materiale. Con la nuova postazione centralizzata, attivata a dicembre 2014, sono più di 7000 gli interventi effettuati per trasporto di pazienti, sangue e organi, in precedenza svolti in proprio da ciascuno dei presidi ma con un impiego in eccesso di mezzi e personale. Nella sua attività ‘istituzionale’, il 118 ha compiuto, lo scorso anno, 14.500 interventi di soccorso: ad Avezzano il numero più alto (1316), seguita da L’Aquila (1.100) e Sulmona (1.000). Quasi la metà dei pazienti con arresto cardiaco, di cui 25 su 47 complessivi, salvati sul posto.

Un solo operatore Asl, con l’ausilio del ‘cervellone’, controlla in ‘diretta’ tutti gli spostamenti delle ambulanze e, sfruttando incastri di tempi e  necessità del momento assicura, in aggiunta agli interventi di soccorso 118, trasferimenti di sangue, materiale biologico, farmaci, organi e pazienti tra gli ospedali della Asl 1 e con quelli di dentro e fuori regione. Un’attività intraospedaliera che, grazie ad un’unica regia, permette ad una sola ambulanza, in base alle favorevoli coincidenze che si creano di volta in volta, di ‘lavorare per due’. La nuova regia unica del 118, superata la prima fase di collaudo, ha dato risultati eccellenti: una media di 600 trasferimenti mensili da ospedale a ospedale. “Il dato medio mensile dei 600 trasferimenti – dichiara il direttore del 118 della Asl 1 Gino Bianchi – in virtù di una assoluta regolarità, favorisce una efficiente programmazione anche a lungo termine e consente di distribuire di volta in volta le risorse a disposizione, modulandole sulle effettive necessità”.

Oltre  a questi nuovi compiti di collegamento intraospedaliero, lo scorso anno, il 118 ha compiuto, nella sua ‘istituzionale’ attività di soccorso, in tutta la provincia di L’Aquila 14.500 interventi, di cui 5.600 nell’area Marsica, 5.250 in quella di L’Aquila, 2.150 nella Valle Peligna e 750 nel comprensorio sangrino. Con 1316 prestazioni Avezzano si conferma la postazione con più interventi, seguita da L’Aquila (1.100), Sulmona (1.000) Pescina (820). Tante chiamate in partenza per codice rosso (3.100) ma solo 300 si sono rivelate tali: ciò significa che il 90% delle richieste dichiarate urgenti non era giustificato da una effettiva gravità. Al primo posto restano i traumi (3.900 interventi), seguiti da malattie neurologiche e respiratorie. Rispetto al 2014 le patologie psichiatriche (trattamento sanitario obbligatorio, tentativi di suicidio, depressione, ansia ecc.) sono sensibilmente aumentate: 350 casi, nella quasi totalità giovani tra i 25-35 anni. Infine, tra nuove aperture e maggiori coperture orarie (portate da H 12 ad H 24), lo scorso anno, il servizio ha attivato in tutta la provincia 6 nuovi punti operativi per un totale complessivo di 18 postazioni.

 

 

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top