Cronaca e Giudiziaria

Asili nido, divampa la polemica: meno fondi e bambini

«La gestione dell’asilo nido Orsetto Bernardo è stata un fallimento: l’assessore al Bilancio Ferdinando Boccia si dimetta». A parlare è Mariano Santomaggio, consigliere d’opposizione al Comune di Avezzano.

«La giunta Di Pangrazio ha stabilito che l’asilo doveva essere privatizzato perché si spendeva troppo», spiega Santomaggio, «era gestito dalla cooperativa Zefiro che aveva 12 dipendenti e 35 bambini. Il Comune ha iniziato una trattativa con la cooperativa proponendo 100mila euro per continuare a gestire la struttura, riducendo poi a 70mila euro il budget perché i restanti 30mila euro erano stati destinati a una figura professionale in grado di controllare l’attuazione del programma, individuato poi in Piero Carducci».

La cooperativa Zefiro ha rotto la trattativa con il Comune e ha fatto un bando per affidare ad altri la struttura. «Nel bando è previsto l’affitto pari a 30mila euro l’anno per la struttura più 8mila euro di spese per le utenze», continua Santomaggio, «il Comune però non si è fatto nemmeno i conti della serva e non ha verificato che chi avrebbe vinto non poteva andare avanti perché doveva pagare i soldi di gestione più l’affitto e solo con le rette non ce l’avrebbe fatta. E così è andata. Sono partiti con 5 bambini e ora sono arrivati a 15. Considerando che ci sono anche le spese per le educatrici, la cuoca, un’ausiliare… è un vero e proprio bagno di sangue».

Secondo Santomaggio, quindi, l’amministrazione non è stata in grado di gestire la situazione e ora a pagarne le spese sarebbero i contribuenti.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top