Politica

Approvato il progetto “Museo virtuale della città di Avezzano”

La giunta Di Pangrazio ha approvato la proposta di realizzazione del progetto “museo virtuale della città di Avezzano” . Lo annuncia l’assessore alla cultura Fabrizio Amatilli che afferma: “il nostro patrimonio storico, artistico, monumentale e culturale diviene fruibile a tutti, grazie alla digitalizzazione delle opere d’arte, dei reperti archeologici, dei testi antichi, delle testimonianze del prima e dopo terremoto. Con questa iniziativa, la moderna tecnologia diventa lo strumento attraverso il quale divulgare la memoria storica della nostra città, tra valenze achitettoniche-urbanistiche, i personaggi locali e tutte le nostre bellezze autoctone che rendono Avezzano e la Marsica una terra preziosa, adatta ai turisti e ai curiosi”. Amatilli ha poi proseguito dichiarando:” oggi, in 4 mesi e come previsto dal documento unico di programmazione, bilancio di previsione 2016, con un importo complessivo di 6.500 euro, recupereremo i materiali e daremo vita al Museo Virtuale della città di Avezzano, che si propone come iniziativa pilota per la realizzazione di quello che potrebbe diventare il museo virtuale dell’intera Marsica. Inoltre, tra gli obiettivi c’è anche la collaborazione con istituzioni e scuole per la definizione di percorsi didattici, giornate di studi, convegni e manifestazioni di vario genere. E ancora, – conclude – il progetto potrà proporre due significative attività: il coinvolgimento di privati ed istituzioni in possesso di beni di valore storico, artistico e culturale, valutando la possibilità della loro rilevazione e pubblicazione e la costruzione di un archivio di immagini con il metodo Wiki, con coinvolgimento dell’intera città, attraverso il quale ogni cittadino potrà fornire materiale, in formato predefinito, che qualora ritenuto idoneo, alimenterà speciali sezioni dell’archivio digitale dedicate a fatti, luoghi, personaggi, scene di vita quotidiana, dialetto, proverbi, modi di dire che radicati nella nostra identità sociale”.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top