Altri articoli

“Aperitivo con… finale!”, una proposta stimolante per dare voce alla propria creatività

Scrivere è prima di tutto un atto d’amore, di passione.. ma è anche un modo accattivante per comprendere e far comprendere, per divenire coscienti dei propri sentimenti e di ciò che accade intorno, per decidere in completa libertà di opinione di liberarsi dalla  propria passività nel circuito degli eventi. Scrivere non è solo questione di talento e di ispirazione. Scrivere, come del resto qualsiasi altra forma d’arte, è anche esercizio. Uno scrittore deve allenare tutti i giorni il suo talento con l’osservazione della realtà, la lettura e la scrittura. L’ispirazione senza la capacità di esprimerla correttamente è destinata a restare un’illusione ancorata unicamente all’interiorità. La scrittura richiede una dose essenziale di incanto, ma è anche lavoro di affinamento, studio, capacità di sintesi, ragionamento sulla struttura di quello che si vuole raccontare.

Per gli amanti della scrittura creativa, gli scrittori dilettanti e non ed i lettori onnivori, curiosi ed appassionati.. questo è il blog giusto! Oggi, amici di Marsicanews, voglio porre alla vostra attenzione un’interessante iniziativa culturale per imparare a scrivere scrivendo, avvenuta lo scorso 31 gennaio alle ore 18,00 ad Avezzano, presso Il Caffè letterario Vieniviaconme, gestito dai coniugi Luca De Clemente e Veronica Penna, da sempre avvezzi a coniugare la gestione del locale con la passione per la cultura nei suoi vari aspetti.

Dopo il successo dell’aperitivo con incipit, il Caffè letterario Vieniviaconme e l’Agenzia letteraria Ponte di Carta hanno deciso di proporre “l’Aperitivo con…finale!”. I partecipanti si sono messi in gioco leggendo il racconto breve senza finale “L’ultima sigaretta” (tratto dal libro di Paolo Zardi “Il giorno che diventammo umani”) con lo scopo di elaborare una conclusione, di inventare in un’ora di tempo un finale che risultasse originale e coerente con l’intero racconto.

L’intento che scaturisce da questa competizione in materia di creatività è quello di dare la possibilità agli appassionati di scrittura di cimentarsi in una prova divertente e stimolante, e di trovare al contempo una dimensione stilistica personale che possa contraddistinguerli e far emergere la loro voce, la loro inventiva e il loro estro.

La giuria, costituita da Roberta Di Pascasio e Sonia Ciuffetelli (responsabili dell’agenzia Ponte di Carta), al termine della gara di penne creative, ha valutato tutti i “finali”, mentre i partecipanti deliziavano i loro palati con un gustoso aperitivo. Ecco di seguito i nomi delle prime tre classificate: la vincitrice Silvia Filippi, la seconda classificata Roberta Mancini e la terza Minny Chià.

Quale modo migliore per dare voce, grazie alla scrittura, alla propria creatività e fantasia?

Immaginate… gente!

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top