Italia

Anziani raggirati; a vittime, tuo figlio ci deve soldi

Sono accusati di associazione per delinquere, truffa aggravata, sostituzione di persona, furto e circonvenzione di incapace i nove componenti la banda di truffatori, tutti napoletani, arrestati dai carabinieri di Roma.

Il gruppo era «specializzato» in raggiri ai danni di anziani. Una struttura ben organizzata, ha spiegato il procuratore aggiunto di Roma, Leonardo Frisani nel corso di una conferenza stampa, che ha consentito di impossessarsi in poco più di un anno, tra il 2012 e il 2013, di circa un milione di euro ai danni di cento anziani. Il modus operandi era sempre lo stesso: giungevano nella Capitale il lunedì e si dividevano il territorio operando sempre in coppia.

Dopo aver individuato la vittima la abbordavano affermando di essere amici dei figli. «Tuo figlio ci deve dei soldi – raccontavano -ma ci ha detto di rivolgersi a te». Per rendere tutto più credibile i criminali simulavano anche una telefonata con un «finto» figlio che, sfruttando una comunicazione artatamente disturbata, chiedeva alla madre o al padre di pagare il debito. Gli anziani, quindi, venivano scortati al più vicino bancomat per effettuare il prelievo del denaro.

I colpi potevano fruttare dai 500 ai quasi 5000 euro. In alcuni casi la banda arrivava ad accompagnare le anziane vittime anche negli appartamenti per farsi consegnare gioielli e in un caso perfino la fede nuziale. L’organizzazione, guidata da Vincenzo De Martino, 46 anni, operava anche in Campania, Liguria e Puglia ma aveva concentrato la sua attività criminale in particolare a Roma.

Nel corso dell’operazione i carabinieri hanno effettuato anche perquisizioni nelle abitazioni del gruppo: appartamenti arredati con mobili di lusso e dove sono stati trovati orologi di pregio e circa 30 mila euro.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top