Italia

Anticorruzione, intesa in maggioranza

Anticorruzione, la maggioranza trova l’accordo. Il giorno dopo la rottura del patto del Nazareno il governo raggiunge l’intesa sul ddl che estende la punibilità per il reato di falso in bilancio che ora sarà sempre perseguibile d’ufficio. Il via libera, inaspettato, è arrivato dopo l’incontro tra il ministro della Giustizia, Andrea Orlando e il suo vice, Enrico Costa. «Abbiamo trovato l’accordo, ed andremo avanti velocemente, mi auguro che anche M5S e Fi valutino serenamente, è stato un risultato molto faticoso e non scontato», ha detto Orlando dopo il vertice. Ma da Forza Italia per ora arrivano segnali di guerra. L’intesa sulla legge anticorruzione, arrivata dopo le sollecitazioni del commissario Raffaele Cantone e pochi giorni dopo la denuncia del capo dello Stato, Sergio Matterella, è letta come un atto di ritorsione da parte del governo. Soprattutto perché arriva insieme alla riformulazione, avvenuta nella notte, dell’emendamento all’articolo 3 del «milleproroghe» sulle frequenze tv in digitale che per Mediaset (e Rai) comporta una perdita di 50 milioni di euro da redistribuire agli altri operatori. «Ci stanno facendo pagare la levata di scudi sul patto del Nazareno, è una vendetta», dice un alto dirigente di Forza Italia.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top